Quotidiano di informazione campano

Italicum, esplode tensione Pd-FI In forse summit Renzi-Berlusconi

POLITICA ITALIANA PER RADIO PIAZZA NEWS

0

Roma, 12 nov. – “Il patto del Nazareno prevedeva la riforma della legge elettorale, secondo quanto abbiamo approvato alla Camera nell’Italicum. E noi a quella siamo rimasti. Se Renzi, con la sua maggioranza, ha deciso di cambiare tutto, di buttare quel testo e di scriverne un altro, allora non c’e’ piu’ il patto del Nazareno”. Sono queste parole di Renato Brunetta a far esplodere la tensione tra Pd e FI. E’ Luca Lotti, infatti, a replicare a muso duro al capogruppo FI alla Camera: “Se le parole di Brunetta sul Patto del Nazareno interpretano il pensiero di Berlusconi e di FI, allora non c’e’ neanche bisogno di incontrarsi domani”.

Grasso, riforma elettorale e’ assoluta priorita’

Insomma, neanche il caso di tenere il nuovo faccia a faccia tra Renzi e Berlusconi, perche’ di questo parla lo strettissimo collaboratore del presidente del Consiglio, visto che “se la linea di Forza Italia e’ quella di Brunetta, come successo altre volte in questi mesi, mi chiedo a cosa serva vedersi domani”. I Dem aprono l’offensiva su FI. “Sulla riforma elettorale il vero problema e’ che Berlusconi non tiene piu’ i suoi dentro Forza Italia”, accusa Debora Serracchiani aggiungendo che “Brunetta gli scappa da tutte le parti”. E allora il vicesegretario Pd manda a dire al Cavaliere che “non si e’ rotto il patto del Nazareno: si e’ rotta Forza Italia”. Non che dentro FI, in effetti, manchino le voci critiche.
“Sulla legge elettorale non possiamo andare dietro alle indiscrezioni di stampa. Bisogna avere un luogo di discussione all’interno del partito, dove confrontarsi e prendere una decisione”, dice per esempio Raffaele Fitto. “Io – prosegue l’eurodeputato ‘azzurro’ – contesto a Renzi il fatto che da giorni sta monopolizzando l’agenda politica con la legge elettorale, dimenticando le vere priorita’ del Paese”.

“Non so se alla fine Berlusconi accettera’ le condizioni poste da Renzi, ma prima di prendere una posizione – attacca Fitto – mi piacerebbe che il partito fosse convocato e coinvolto nelle scelte”.
Oggi si terra’ il Comitato di presidenza con Berlusconi e anche l’altro vicesegretario Dem, Lorenzo Guerini, manda un ‘avviso’ a palazzo Grazioli: “La legge elettorale si fa con le forze che ci stanno. La maggioranza ha fatto una proposta ed e’ aperta ad altre convergenze e contributi”. E, e’ la considerazione di scenario, “le stagioni si aprono, e si chiudono”. “Mi sono stancato di ripetere che si arriva al 2018, mi vengono attribuite intenzioni che non ho”, ha sottolineato piu’ volte Renzi, riferiscono fonti parlamentari della maggioranza, durante il vertice di maggioranza chiusosi in nottata a Palazzo Chigi. Il premier, viene sempre riferito, si e’ detto d’accordo sul fatto che anche la legge elettorale non puo’ dividere la maggioranza e che se Forza Italia si vuole aggiungere non sara’ esclusa dall’accordo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.