Quotidiano di informazione campano

Juventus in finale, Napoli continua a rodersi per i gol di higuain

calcio coppe

0

NAPOLI – La Juventus conquista la finale di Coppa Italia, Higuain si prende la sua vendetta sul San Paolo, Neto vive il suo personale incubo, protagonista di una gaffe comica e di un grave errore, regalando l’inutile vittoria al Napoli. Tutte le emozioni negate dalla sfida del campionato, arrivano nella semifinale di Coppa Italia che vede una Juventus decisamente più tonica e padrona della partita, fino a che, in vantaggio per 2-1 e con la qualificazione in tasca, non stacca la spina, facendosi trasportare in finale per inerzia.

ALTRA MUSICA – Con Dybala, Cuadrado e Alex Sandro in campo è un’altra squadra. La partita si inclina dalla parte dei bianconeri che hanno subito un’occasione, ne subiscono un’altra (bella parata di Neto su Milik che inizia bene la sua notte horror), mantenendo il pallino. E dopo un controllo di mezzora, arriva il gol di Higuain, scritto dal destino e insaccato con un preciso tiro da fuori area che inganna un non reattivissimo Reina. Il Pipita trattiene l’esultanza, se la prende ancora con De Laurentiis, indicandolo in tribuna e dedicandogli il gol «è sua la colpa!», grida idealmente rivolto agli ex tifosi che lo contestano.

RELAX – Il Napoli accusa il colpo, ma nella ripresa entra con lo spirito di chi nonna niente da perdere. La Juventus invece è un po’ troppo rilassata. Il pareggio di Hamsik all’8’ è la logica conseguenza. La Juventus si sveglia da torpore post intervallo e pigia ancora sull’acceleratore quanto basta per rimettere Higuain davanti alla porta con un’azione meravigliosa Dybala-Cuardado. Il gol del 2-1 chiude la partita. Almeno per la Juventus che inizia a pensare al Barcellona. Anche il Napoli, che prova a imitare i blaugrana contro il Psg. E Neto imita Donnarumma: la sua papera sul retropassaggio di Alex Sandro è comica, ne approfitta Mertens e segna il 2-2.

FINALE – La Juventus non reagisce, il Napoli vive un momento di esaltazione. E al 22’ Callejon sfonda sulla destra saltando un molle Benatia, mette in mezzo per Insigne: Neto non è impeccabile e il Napoli va in vantaggio.  Il finale non è come al Camp Nou, perché la difesa della Juventus non perde lucidità e gestisce senza grossi patemi l’ultima mezzora (sei i minuti di recupero), arrivando in finale sporcando una prestazione che era stata convincente fino al gol del 2-1. Il Napoli si gode una vittoria inutile. Juventus-Lazio si giocherà il 2 giugno a Roma, a meno che i bianconeri non siano in finale di Champions League, ma questa è un’altra storia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.