Quotidiano di informazione campano

La Festa dei Boccali 2020 sarà on line Venti artisti per l’associazione Humus

La Festa dei Boccali 2020, giunta alla quindicesima edizione, cambia volto, ma mantiene saldo l’appuntamento. La presidentessa dell’associazione HumusLauretta Laureti, che organizza la kermesse artistica, causa covid, ha deciso di utilizzare la Rete per promuovere l’iniziativa che consentirà la vendita on line dei boccali prodotti da artisti. L’evento consentirà a tutti i cittadini di entrare attivamente a far parte di una realtà che tende a conservare e potenziare le radici e la storia di un’antica arte quale traino per lo sviluppo culturale e sociale del territorio. La call ha coinvolto quest’anno venti artisti – Alessandro Mautone, Sasaska, Matteo Salsano, Lucia Carpentieri, Antonio D’Acunto, Enzo Caruso, Teresa Salsano, Ferdinando Vassallo, Laura Marmai, Giuseppe Cicalese, Mariagrazia Cappetti, Lucio Liguori, Pasquale Liguori, Domenico Liguori, Lauretta Laureti, Vincenzo Consalvo, Deborah Napolitano, Francesco Raimondi, Patrizia Grieco & Cecile Guicheteau e Mariella Siani – che gratuitamente hanno donato 10 boccali dipinti a mano. Quest’anno Map 2020 del Csv Sodalis Salerno, che promuove e diffonde la pratica del volontariato, della solidarietà e della cittadinanza attiva, sostiene il progetto. “La Festa dei Boccali rinnova il connubio tra volontariato, arte e cultura coinvolgendo venti artisti volontari che realizzeranno 200 boccali, esposti in un catalogo on-line. Uno dei 10 boccali realizzati da ogni artista entrerà a far parte della collezione stabile, ciclicamente esposta, della Humus, mentre i restanti 9 boccali saranno oggetto della raccolta fondi necessari alle attività dell’associazione di volontariato Humus dedicate a disabili ed anziani”, ha spiegato Lauretta Laureti “La gestione online ci consentirà di ampliare lo spazio di trasmissione di valori ed sarà da stimolo alla riflessione di quanto l’essere e l’agire volontario possono essere la carta vincente per la riaffermazione dell’essere comunità nel nostro territorio. Avremmo voluto invitare tutti i 100 artisti che ogni anno ci onorano della loro presenza ma quest’anno per le restrizioni dovute alla pandemia abbiamo fatto inviti diretti a 20 artisti perché gestirne di più sarebbe stato complicato, sperando di ritornare il prossimo anno alla nostra consueta iniziativa in presenza e con tutti gli artisti coinvolti. Il catalogo online sarà presentato prima di Natale così con l’occasione si potranno regalare boccali per rinnovare il connubio tra arte e solidarietà”, ha concluso la presidentessa di Humus.

 

 

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.