Quotidiano di informazione campano

La Medaglia di Gaeta a Claudio Quintano – Un premio simbolo della resilienza del Mezzogiorno assegnato dalla Società Italiana di Scienze Ausiliarie della Storia

La Medaglia di Gaeta a Claudio Quintano

Un premio simbolo della resilienza del Mezzogiorno per uno dei grandi economisti italiani che guarda al futuro della sostenibilità economica e ambientale e nel contempo si impegna per la tutela delle origini storiche e culturali del Sud

Comunicato Stampa

È un premio decisamente speciale e quanto mai attuale l’ultimo riconoscimento in ordine di tempo ricevuto da Claudio QuintanoRettore emerito dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, economista di fama internazionale ed oggi professore straordinario di Statistica economica all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Si tratta della prestigiosa “Medaglia di Gaeta”, glorioso emblema della resilienza del Mezzogiorno, conferita a Claudio Quintano dalla Società Italiana di Scienze Ausiliarie della Storia “per il contributo dato da docente e studioso alla difesa del patrimonio identitario di Napoli e del Mezzogiorno riuscendo a coniugare origini, miti e storia con i più moderni linguaggi scientifici”.

Riconiata (con una riproduzione fedelissima in misure, peso e materiali) dal Maestro orafo napoletano Luca Mattana sull’originale attribuito da Francesco II, l’ultimo Re del Regno delle Due Sicilie, ai difensori di Gaeta, la medaglia commemorativa raffigura da un lato le effigi di Francesco II e della consorte Regina Maria Sofia di Baviera e dall’altro la fortezza di Gaeta.

La cerimonia di consegna del riconoscimento si è svolta nella suggestiva cornice dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, il secondo Anfiteatro romano al mondo per dimensioni dopo il Colosseo, in occasione di una delle serate dell’Arena Spartacus Festival.

A consegnare la Medaglia di Gaeta a Claudio Quintano c’era Guglielmo de’ Giovanni- Centellesuno dei padri fondatori delle discipline di studi mediterraneistici nelle Università italiane, attualmente professore straordinario di Storia del Mediterraneo all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e segretario generale della Società Italiana di Scienze Ausiliarie della Storia.

Tra gli ospiti illustri della cerimonia Antimo Cesaro, delegato alla cultura dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, già sottosegretario di Stato al Ministero della Cultura ed Eduardo Maria Piccirilli, direttore dell’Istituto di Studi Superiori per la Mediazione linguistica di Napoli.

Tra i padri fondatori dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” (già Istituto Universitario Navale), dove dal 1991 al 2016 è stato Preside della Facoltà di Economia, Pro Rettore e Rettore, Claudio Quintano è uno dei massimi esperti italiani di Statistica economica ed è attualmente impegnato con il corso di laurea magistrale in Economia, Management e Sostenibilità dell’Università Suor Orsola Benincasa in un avanguardistico insegnamento su “Le misure del domani per raggiungere gli obiettivi ONU sulla sostenibilità”. Tra i suoi attuali campi di studio e di ricerca una nuova delimitazione geografico-economica dei Paesi del Mediterraneo e la Blue economy. “Una strada sicura verso la realizzazione di un’economia sostenibile del Mediterraneo viene dalla Blue economy, intesa come un’economia a basso impatto ambientale, efficiente sotto il profilo delle risorse e circolare”, ha evidenziato Quintano ricevendo la Medaglia di Gaeta. A testimonianza di come i grandi Maestri studino la storia per guardare sempre al futuro.

Claudio Quintano riceve la Madaglia di Gaeta dal Prof. Guglielmo de' Giovanni-Centelles.jpgClaudio Quintano riceve la Madaglia di Gaeta dal Prof. Guglielmo de’ Giovanni-Centelles.jpg~154 KBVisualizza Download

La medaglia di Gaeta riprodotta da Luca Mattana.jpgLa medaglia di Gaeta riprodotta da Luca Mattana.jpg~788 KBVisualizza Download

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.