Quotidiano di informazione campano

LA NOSTRA RASSEGNA STAMPA DI OGGI 25 IN BREVE IN CAMPANIA E NON. DELLA GAZZETTA CAMPANA

STA ARRIVANDA UN ALTRA FINE SETTIMANA TONY VI ASPETTA ALLE 7,30 NON SOLO MUSICA RADIO ANTENNA CAMPANIA

NOLA

Scuola: un esercito di aspiranti professori emigra verso il Nord, anche gli adulti restano al palo

 

IERI APERTE LE SCUOLE A NOLA

Ad entrare in Consiglio è Massimiliano Manfredi, eletto nella lista del PD con ben 19073 voti, seguito poi da Francesco Iovino che fa il boom di voti e viene eletto come primo in Italia Viva (10320 voti). Entrano in Consiglio anche l’ex sindaco di Mariglianella, Felice Di Maiolo (Fare Democratico-Popolari – 5455 voti) e Giuseppe Sommese, figlio dell’ex assessore regionale Pasquale Sommese (5554 voti con i Liberal-Democratici); successo per un altro “figlio d’arte”, anche Giovanni Mensorio, figlio del compianto Carmine Mensorio, entra infatti in Consiglio con 9769 voti nella lista di Centro Democratico. Tra gli scranni dell’opposizione siederà invece Gennaro Saiello (6244 voti), eletto e confermato con il Movimento 5 Stelle.

Non entrano in Consiglio Regionale, invece, Antonio Tufano (consigliere comunale di Nola – 8.629 voti), Raffaele Coppola (sindaco di Liveri – 3.837 voti), Elvira Franzese (assessore alla Cultura del Comune di Palma Campania – 4.144), Bartolomeo Perna (presidente del Consiglio Comunale di Visciano – 1.624 voti), l’avvocato nolano Imma Nappi (2.647 voti), Anna Meo (549 voti), Carlo Andrea Foglia (528 voti), Ciro Attanasio (869 voti), Domenico Manganiello (315 voti), Enzo Peluso (3.536 voti), tutti a sostegno di De Luca. A sostegno di Caldoro, invece, non riescono ad avere successo Antonio Giuliano (1.620 voti) ed Ermanno Russo (4.361 voti), entrambi nelle file di Forza Italia, e Carmela Rescigno (Fratelli d’Italia – 5.672 voti).

“I Gigli di Pietra”: ecco come è nato il modello attuale delle macchine in onore di San Paolino. Presentazione del libro a cura dell’associazione Contea

Nola – Al tempo della Festa sospesa, si riflette sul senso della tradizione e sulla evoluzione del rituale dei Gigli e della Barca in onore di San Paolino. Il distacco forzato dall’organizzazione attiva dell’evento lascia più spazio all’ approfondimento, alla ricerca, e alla divulgazione di questo straordinario patrimonio che dal 2013 gode del sigillo Unesco.

Un’ ulteriore occasione di conoscenza, anche di nuove prospettive e aspetti storici della millenaria Festa dei Gigli, è data dall’associazione Contea nolana, presieduta da Antonio Napolitano che ha promosso una due giorni di confronto su un nuovo libro, edito dalla stessa associazione che da anni promuove anche il Centro di documentazione visiva.

Il titolo del lavoro è emblematico: “I Gigli di Pietra”. L’iniziativa si svolge in partenariato con l’università degli Studi della Campania, Luigi Vanvitelli nell’ambito delle Giornate europee del Patrimonio e del progetto SAVAGE (Salvaguardia e valorizzazione dell’autenticità nella gestione dei Gigli di Nola).

Tra fine 1600 e l’intero 1700 i semi dell’attuale macchina da festa

Il testo rappresenta in maniera plastica e ricca di riferimenti documentali l’importante transizione dei Gigli, il passaggio dal cero/torcia alla poderosa struttura che oggi conosciamo. Un’ evoluzione che risente dell’influenza determinate dell’esperienza barocca nella sua ricerca dell’effimero. Alcuni particolari monumenti che sorgono a Napoli e l’esperienza di artisti come Ferdinando San Felice, siamo tra la fine del seicento e per tutto il settecento, rappresentano gli elementi determinanti per l’ultimo stadio per giungere alla forma definitiva del modello attuale.

Un percorso evolutivo partito da un fiore e giunto ad una macchina così affascinante che ha assorbito in sé gli stili, le esperienze, e il sentimento che hanno attraversato i secoli. Un patrimonio di saperi stratificati che oggi la comunità ha il dovere di conoscere, custodire, e promuovere. E sarà proprio questo il cuore del dibattito che animerà una due giorni estremamente ricchi di interesse che si svolgeranno all’interno del Museo archeologico di Nola.

Una due giorni di approfondimenti sulle origini e i documenti della Festa

L’appuntamento è per venerdì 25 settembre e sabato 26 (scelti due giorni per evitare assembramenti), alle ore 18.00. Nella prima giornata de “I Gigli di Pietra” – tra storia e realtà – interverranno, Gaetano Minieri, sindaco di Nola, Giacomo Franzese, direttore del Museo archeologico di Nola, Patrizia Nardi, ideatrice e coordinatrice della Rete Grandi Macchine a spalla e responsabile tecnico scientifico dei progetti Unesco, Nicola Pisacane, coordinatore scientifico del progetto SAVAGE, Katia Ballachino, docente Università Stidi di Salerno, Maurizio Di Stefano, presidente di Icomos, Luca De Risi, rappresentante della comunità nolana, Antonio Napolitano, presidente associazione Contea nolana, e Beniamino Depalma, Vescovo emerito della Diocesi di Nola.

Nella seconda giornata, i saluti dell’amministrazione saranno portati da Nando Giampietro, assessore Beni Culturali. Ad intervenire inoltre saranno Raffaele Soprano, presidente dell’associazione Musa, Antonio Solpietro direttrice del Museo e archivio diocesano, Guido Grosso, della Fondazione ITS Bact,  Saverio Carillo, professore dell’università degli studi della Campania, e Nicola Argenziano, presidente della Fondazione Festa dei Gigli, e Francesco Marino, Vescovo di Nola. L’evento vedrà la partecipazione narrante di Gennaro Caliendo. All’interno del museo sarà possibile visitare anche la mostra itinerante sulle origini e documenti relativi alla Festa dei Gigli

Coordinerà i lavori della due giorni Antonio D’Ascoli, direttore di nonsolonola.it

CONTAGIATO GRAVE  A VICHE EQUENZE SONO 6 SI ARRIVA A 75 –

ALLERTA METEO 24 ORE DI PIOGGIE E TEMPORALIIN TUTTA LA CAMPANIA.

COVID DI BOSCO,ALTRI 4 RICOVERATIIN TERAPIA INTENSIVA.

La scomparsa di William Wall: trovato il cadavere del ragazzo sparito lunedì

William Wall era scomparso lunedì scorso: si era allontanato per fare la sua solita passeggiata

Colpo ai narcos dei Lattari, sequestrate piantagioni di droga

Scoperte a Gragnano in un bosco di proprietà privata

 

Si sporca in classe per le mestruazioni: torna a casa e si uccide

La giovane è rimasta vittima di un brutto episodio: si è sporcata a causa delle mestruazioni e per questo si è tolta la vita.

CASTELLAMMARE GUARITO IL PIZZAIOLO DAL COVI TORNA A CASA FANNO FESTA.

FA FINTA DI ABBOCCARE UN 87ENNE E LI FA ARRESTARE I TRUFFATORI BRAVO

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.