Quotidiano di informazione campano

LA RASSEGNA STAMPA OGGI 7 NOVEMBRE 2020 PARTIAMO DAL NOLANO

NON SOLO MUSICA SU RADIO ANTENNA CAMPANIA CON TONY ALLE 7,30 OGGI SABATO SANTA ERNESTA AUGURI

Cresce l’apprensione per la situazione di alcune residenze per anziani nel Salernitano. A Baronissi – come titola il quotidiano “il Mattino” – si riaccende il focolaio all’ospizio: altri 13 contagi nella casa di riposo, dopo i 5 dell’altro giorno . Sono 19 gli infetti in quella di Buonabitacolo.

 

 

Pompei: Gennaro Peluso vice campione del mondo al The best panettone of the world

  • Soddisfazione nella nutrita famiglia della gastronomia pompeiana: un degno figlio del quel talentuoso territorio vesuviano (ci riferiamo al settore del cibo) è stato eletto, a giusto titolo, vice campione del mondo (dopo Pasquale Pesce di Avella) in “The best panettone on the world”. Concorso a cui hanno partecipato numerosi concorrenti blasonati del Giappone, Cina delle Americhe, Bulgaria, Spagna e Gran Bretagna. In tutto 300 concorrenti ma non c’è stato niente da fare: il panettone di Gennaro Peluso è risultato essere il più saporito e genuino di tutti nella sua preparazione artigianale-La giuria era composta da Roberto Lestani, Matteo Cutolo, Claudia Mosca e Enrico Casarano anche perché preparato con alimenti sani e genuini. Non a caso al talentuoso pasticciere di Pompei (padre di sei figli che collaborano, quasi tutti, nel suo atelier di pasticceria, che recentemente si è trasferita al civico 6 di via Lepanto a Pompei: la sede storica della pasticceria Romeo Peluso in cui Gennaro si è formato fin da bambino. Si è svolta a Roma il 25 ottobre 2020 la premiazione della seconda edizione del campionato mondiale che ha eletto “il miglior panettone al mondo”. La competizione organizzata della Federazione Internazionale di Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria è arrivata in un momento particolare come segno di speranza per il futuro di una categoria nobile e operosa, partecipando alla Formazione Professionale del Nostro Paese. Gennaro Peluso preparando il suo lievitato speciale della tradizione natalizia, che oramai si degusta in tutte le occasioni, col famoso lievito madre, ereditato dal nonno (mastro pastaio a Torre Annunziata) da cui ha ereditato nome e talento nel mestiere, che lui Pastry Chef di terza generazione (insieme alla sorella Monica) rinverdisce con numerosi riconoscimenti. “Dulcis in fundo” a Gennaro Peluso è arrivato anche il riconoscimento di Maestro d’eccellenza di pasticceria anno 2020, riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione. Ne deriva che ora tutti faranno la fila fuori al suo laboratorio di via Lepanto, più di prima per gustare le sue specialità di cornetti tradizionali e bicolori, brioche e graffe oltre alle torte speciali e i dolci tradizionali. Ora per Natale Gennaro Peluso già ha pensato ad una sorpresa speciale per Natale. Tenetevi pronti.

PL’email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell’autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

AUGURI AD ERNESTO E ERNESITINA LA MIA MAMMA DA LASSU PENSACI TU PER NOI E A TUTTE LE MIE NIPOTE E MIA FIGLIA  ANCHE SE E UN BRUTTO ANNO

 

DE LUCA FORNISCE I DATI DEI CONTAGI NEL VESUVIANO .59 A SOMMA E OTTAVIANO ,57 A NOLA

“Oltre 15 operatori contagiati, l’ospedale rischia la chiusura”

La denuncia dei sindacati e la richiesta al direttore sanitario dell’Asl di non depotenziare il presidio

“Oltre 15 operatori contagiati, l’ospedale rischia la chiusura”

ltre 15 operatori contagi, l’ospedale rischia la chiusura”. E’ questa la denuncia che arriva dal coordinamento delle segreterie aziendali dell’Asl di Caserta, Fp Cgil, Cisl, Uil Nursing Up e le rappresentanze sindacali, dopo il trasferimento di personale dal presidio ospedaliero di Piedimonte Matese. La missiva è stata indirizzata al direttore sanitario dell’Asl di Caserta Faraone Di Girolamo, e per conoscenza al direttore sanitario del presidio ospedaliero di Piedimonte Matese, Diego Colaccio, ai sindaci dell’area matesina, al Prefetto di Caserta, a tutti gli Onorevoli della provincia e al presidente della Comunità Montana del Matese, Giampaolo Liberatore.

Nei giorni scorsi il direttore sanitario dell’Asl ha disposto “trasferimenti di decine di unfermieri, chirurghi, anestesisti, cardiologi e medici internisti presso altre strutture ospedaliere della provincia di Caserta” e quindi “tali accorpamenti e trasferimenti mettono in serio pericolo l’esistenza stessa del presidio ospedaliero di Piedimonte Matese. Compromettono la continuità delle cure e dell’assistenza ai degenti e ai cittadini del territorio; impoveriscono, di risorse umane e di competenze indispensabili, il Presidio Ospedaliero, proprio in questo momento che il Covid si espande in tutto il territorio Matesino e nella medesima Struttura ospedaliera; ad oggi si contano almeno una quindicina di operatori sanitari contagiati dal Covid e assenti per quarantena. Questi provvedimenti, contraddicono tutto quanto si è detto finora sul potenziamento del Presidio e sulla sua trasformazione in Dea di Primo livello, riducendo, ulteriormente, i Lea nel territorio Matesino e Casertano, quando alcuni Ospedali sono stati letteralmente chiusi alle attività non Covid. Per di più, è sconcertante vedere come, in meno di un mese, si è passati dalla conferma del DEA di Primo livello alla seria minaccia di chiusura o depotenziamento della Struttura Ospedaliera”.

“Oltre 15 operatori contagiati, l’ospedale rischia la chiusura”

Approfondimenti
I militari dell’Esercito italiano stavano perlustrando la zona del lungomare quando si sono accorti di una coppia in atteggiamenti intimi: due uomini. Così hanno subito allertato la centrale operativa dei carabinieri. Una pattuglia della sezione Radiomobile, coordinata dal maggiore Adriano Castellari, è  giunta sul posto, in zona piazza della Concordia, e ha interrotto il rapporto intimo tra i due, chiedendo loro di seguirli in caserma. Qui i due sono stati identificati e denunciati per atti osceni in luogo pubblico.

CASTELLAMMARE VILLA COMUNALE CHIUSA NEL WEEKEND

coprifuoco alle 18

Stretta sui negozi, ai trasgressori multe fino a 3 mila euro

Castellammare, villa chiusa nel weekend e coprifuoco alle 18

A Castellammare Villa comunale chiusa nel fine settimana. E gli altri giorni il coprifuoco sul lungomare scatta dalle 18. Il sindaco Cimmino Cimmino sospende anche i mercati e vara una stretta per i negozi che non rispettano le regole. Multe fino a 3 mila euro per i trasgressori e chiusura per un mese. Un giro di vite dopo il superamento degli 800 contagi in città. Scrive Cimmino: “L’impennata dei contagi nella nostra città ha assunto dimensioni allarmanti e ho deciso pertanto di adottare misure più restrittive per abbassare i numeri impressionanti delle ultime settimane. Ho firmato poco fa un’ordinanza per limitare l’accesso alla villa comunale e all’arenile, che fino a domenica 22 novembre saranno aperti dal lunedì al venerdì fino alle ore 18 e, nel weekend, esclusivamente nella fascia oraria compresa tra le ore 5.00 e le ore 8.30”. E una stretta arriva anche per i distributori di bevande. Troppi i giovani che hanno organizzato, nelle ultime settimane, feste abusive in strada.

Covid, Carlo Conti ricoverato in ospedale a Firenze: “Tranquilli, torno presto”

Il conduttore era stato trasferito perché le sue condizioni erano state giudicate non più compatibili con lʼisolamento a casa. Sui social rassicura tutti

Addio a Sergio Matteucci, storica voce di Holly e Benji e del calcio italiano

 

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.