Palloncini colorati sulle poltrone vuote e Fiorello fa il suo ingresso in una nuova versione Achille Lauro con un mantello di piume nere: “Appena vedo una piuma o un fiore io impazzisco” esordisce lo showman che si prende subito la scena, mandando un saluto agli studenti e agli adolescenti che dovranno tornare in dad: “Presto questo sarà solo un ricordo”. Poi lancia un appello per vaccinare tutti, “in modo che questo incubo finisca”. Il Festival di Sanremo affronta la seconda serata dopo gli ascolti lusinghieri benché noda record del debutto e Amadeus dà  quindi il via alla gara delle Nuove proposte con gli altri quattro giovani in gara: Davide    Shorty e Wrongonyou conquistano i due posti per la finale di venerdì, eliminati Greta Zuccoli e i Dellai.Fiorello come Achille Lauro: ma il piumaggio, sulle sue spalle, non è luccicante ma nero come quello di una corvo. Per l’apertura della seconda serata del Festival di Sanremo, questa volta partendo dall’esterno dell’Ariston dove solo lo scorso anno era posizionato il red carpet circondato dai fan, ora arriva, in solitaria, ‘Fiore’. “Questa è la platea che piace a me”, ha commentato lo showman, rivolgendosi al Teatro Ariston vuoto, pieno soltanto di palloncini colorati, poggiati sulle poltroncine. Poi ha fatto un appello alla classe politica: “Fate presto una campagna vaccinale potente, perché questo incubo finisca”Ad aprire la gara dei Big è Orietta Berti e se ci fosse stato il pubblico sicuramente le avrebbe regalato una standing ovation per l’energia e la carica con cui è tornata in gara dopo 29 anni. Nella seconda serata non c’è più il carrello, sostituito da un valletto con guanti per la consegna di fiori e buste. A chiedere spiegazioni è, con la consueta schiettezza, Orietta Berti: “Stasera niente carrello?”, dice rivolgendosi ad Amadeus nel momento di ricevere i fiori. “No, abbiamo pensato a un bel ragazzo”.

Amadeus invita sul palco Elodie che lo accompagnerà nella serata. Dopo aver partecipato in gara la scorsa edizione, la co-conduttrice della seconda serata del festival è scesa per le scale del teatro in un abito rosso fuoco e glitterato, con uno spacco mozzafiato, e capelli raccolti. Arrivata sul palco, è stata protagonista di un piccolissimo fuori programma: uno degli orecchini le è caduto a terra, prontamente raccolto da un assistente.

Fiorello, dopo aver fatto scoppiare qualche palloncino in platea, dà il meglio di sé presentando in musica Laura Pausini  e cantando La solitudine sulle note di Bohemian Rhapsody dei Queen. Tornata sul palco dell’Ariston dopo tanti anni dal suo debutto Pausini non nasconde l’emozione e canta Io sì, la canzone del film La vita davanti a sé con Sophia Loren, con cui ha appena vinto un Golden Globe. Poi si lascia andare a una performance in trio: Fiorello si trasforma in beatbox, Laura canta The rythm of the night e Amadeus si agita come cubista.

 

Sanremo, Davide Shorty e Wrongonyou passano il turno delle Nuove proposte