Quotidiano di informazione campano

LA RASSENA STAMPA DEL NOLANO.“Pasticcio” urbanistico nella vicenda dell’università Parthenope a Nola

RASSENA STAMPA LOCALE ANCHE SU RADIO ANTENNA CAMPANIA QUELLO CHE DICONO GLI ALTRI

Nola – Diventa sempre più articolato il procedimento urbanistico per il rilascio del titolo edilizio per la realizzazione della sede dell’università Parthenope a Nola.

La recente delibera di giunta comunale di approvazione della proposta per la realizzazione della sede universitaria, con il ricorso del permesso di costruire in deroga, contiene una sintesi dell’iter finora seguito.

La zona prescelta per la localizzazione della sede universitaria è individuata nel PRG del comune di Nola come “Zona H”, attrezzature di interesse comunale. Tali zone rispondono agli standard minimi inderogabili, fissati dal D.M. 1444 del 1968, ovvero attrezzature riservate ad ogni abitante di cui un territorio deve essere dotato: attività collettive, verde pubblico e parcheggi. Tra le destinazioni delle “Zone H” non è prevista l’università.

Inizialmente, ritenendo che la destinazione universitaria fosse ammessa nelle “Zone H”, ipotesi sostenuta anche in consiglio comunale, veniva comunicato all’istante l’accoglimento della richiesta di permesso di costruire convenzionato per la realizzazione dell’immobile.

Le associazioni segnalavano già da tempo l’incompatibilità della destinazione universitaria con la “Zona H” evidenziando, altresì, la presenza sul territorio della “Zona G”, coincidente con la Caserma Principe Amedeo e le retrostanti casermette, come area urbanisticamente adatta per la localizzazione della sede universitaria.

Solo successivamente l’ufficio tecnico, verificata la effettiva presenza della “Zona G”, rideterminava la propria posizione trasmettendo un preavviso di diniego sull’istanza di permesso di costruire per la sede universitaria.

Dal contenuto della delibera di giunta, inoltre, si rileva che la sede universitaria non è una destinazione d’uso “prevista” in “Zona H”, a differenza di quanto ritenuto inizialmente. Questa maturata circostanza ammetterebbe come conseguenza che l’originario iter del permesso di costruire convenzionato non sarebbe stato comunque attuabile (indipendentemente dalla presenza o meno della “Zona G”).

Nell’ambito del procedimento l’istante ha richiesto di ricorrere al permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici, normato dall’art. 14 del D.P.R. 380/2001.

In generale, l’istituto del permesso di costruire in deroga può essere applicato solo nei casi in cui esistono motivate esigenze di interesse pubblico. Tuttavia, il legislatore ha definito limiti molto ristretti che possono riguardare tali deroghe e la stessa letteratura giurisprudenziale ha escluso che il p.d.c. in deroga possa costituire variante urbanistica.

Inoltre, proprio di recente l’articolo 14 del D.P.R. 380/2001 è stato oggetto di una modifica che ha esteso le deroghe alle “destinazioni d’uso ammissibili”, una novella che richiederebbe opportuni approfondimenti.

Insomma, diverse le valutazioni da operare al fine di non incorrere in approssimazioni che potrebbero condurre ad ulteriori ravvedimenti.

L’articolato iter sinora attuato, che evidenzia una incertezza procedimentale con provvedimenti che si rincorrono e si ravvedono, imporrebbe ora una attenta analisi per la definizione della vicenda, anche a tutela della comunità e considerato che, questa volta, sarà anche il consiglio comunale ad esprimersi

di Maurizio Barbato

Città di Nola

 

https://www.facebook.com/minierigaetano/posts/3723390221030701

– Nonostante le intese e i tavoli con la Regione ( che ha la competenza sugli alvei), gli impegni di messa in sicurezza, la manutenzione degli alvei resta una grande criticità.
Ecco che cosa è accaduto, oggi, in via Cimitero, dopo solo pochi minuti di pioggia. Situazioni del genere si sono verificate in tutte le zone che da sempre patiscono l’atavico problema degli allagamenti che non è di colore politico, ma afferisce ad una seria programmazione degli interventi periodici e ordinari da effettuare sui canali. E’ una questione di governance del territorio da assolvere sempre e non solo una tantum o per spot!!!
HANNO PUBBLICATO A NOLATUTTO A POSTO SCRIVE IL SINDACOCHE OGGI CE IL MERCATO NOLA ALLAGATA PENSANO IL MERCATO PAOLINO IOVINO. FELICE D’AMICO FORZA NOLA COSI ANDIAMO BENE
Angelo Rò Bar Cristiano e altri 3
Commenti: 3
Condivisioni: 19
Mi piace

Commenta
Condividi

Commenti

Più pertinenti

  • Che spettacolo.. Vergogna…e si dovrebbe vergognare un ex consigliere regionale del nolano. Poi scriverò il perché.
    • Mi piace

    • Rispondi
    • 6 h
  • Ormai i regi lagni sono delle discariche a cielo aperto..
    • Mi piace

    • Rispondi
    • 9 h
    • Modificato
  • Le cascate del Niagara non posso competere con quelle di Nola … Nola e Nola fanno la differenza 😍😍🤣🤣🤣
    Potrebbe essere un'immagine raffigurante cascata
    1
    • Mi piace

    • Rispondi
    • 10 h

Altri post

“…Mentre a Roma si discute, Sagunto (Nola) brucia (si allaga)”😡
👉live..Nola (zona periferica) loc. Rione Mascia🛶🛶

Venere Rosa Di Palma

Mi piace

Commenta
Condividi

Commenti

 

 

 

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.