Quotidiano di informazione campano

LA STRAGE DELLA LANTERNA AZZURRA

LETTERA DEL NOSTRO GIORNALE DA GIANNI TOFFOLI DA VERONA

La maggioranza degli “esperti che ha commentato la strage della discoteca Lanterna Azzurra si è limitata a criticare il livello di sicurezza. Troppo comodo scaricare su fattori tecnici, carenze che hanno responsabilità di ben altra natura. Se i testi delle canzoni di Sfera Ebbasta evocano concetti del tipo “quanto sei porca quando bevi una vodka” e sono infarciti di migliaia di riferimenti al sottobosco della droga e del sesso libero, ridurre la strage ad problema di sicurezza è ignobile menzogna. Appare lapalissiano che se il brodo di cultura è quello veicolato dal questo o da quel cantante (ammesso che il rap si possa considerare musica), i rischi sono proporzionati all’offerta del prodotto. E che dire di quei genitori che assecondano i capricci dei loro pargoletti senza prima informarsi a chi saranno dati in pasto? Troppo presi dal lavoro per occuparsi dei figli?
Gianni Toffali

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.