Quotidiano di informazione campano

“LE STANZE DELL’ARTE” – GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO E DI CRITICA PER LA MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA

ART NEWS ASS. SOCIO-CULTURALE A.C.A.P.

Il lontano e antico ha ospitato l’estremo moderno. Successo di pubblico e di critica per la mostra di arte contemporanea. Succede in provincia di Napoli, a Cimitile, alla mostra “Le stanze dell’arte” presso Palazzo Forte adiacente al Parco delle Basiliche Paleocristiane del comune. La mostra ha ospitato, dal 21 dicembre, vari 20 artisti che hanno esposto vari lavori.

Il Palazzo è un pregevole manufatto architettonico a ridosso delle sette basiliche paleocristiane, ristrutturato di recente dopo l’acquisizione da parte del comune. Il complesso basilicale di Cimitile, uno dei più fulgidi esempi d’arte paleocristiana in Europa, sorge sui resti di un’importante necropoli romana, il coemeterium nolanum (II – III sec a.C.), e comprende sette edifici di culto arricchiti da preziosi mosaici, decorazioni e affreschi. Il tutto è stato recuperato di recente e questa mostra è un’occasione per ammirarne le meraviglie.

Le opere, contemporanee, nelle “Stanze dell’arte” erano di stili diversi (per lo più arte povera) che prediligono la forma d’installazione, anche se vi sono sculture di approccio “classico” e qualche rarissima pittura.

Gli artisti provenivano tutti dalla Campania e precisamente: Castrense Di Giovanni, Claudio Bozzaotra, Cristina Cianci, Diana D’Ambrosio, Felix Policastro, Fiormario Cilvini, Marco Tirelli, Giacomo Savio, Gianfranco Coppola, Gianroberto Iorio, Giuseppe Di Guida, Mario Cicalese, Michele Mautone, Aniello Martiniello, Prisco De Vivo, Rossana Iossa, Ugo Cordasco, Raffaele Bova, Juan e Marco e Camillo Capolongo (per gentile concessione della figlia). Le opere sono state collocate rigorosamente senza titolo: solo il nome dell’artista. Questo perché dovevano parlare da sole dialogando con l’architettura.

Esse hanno occupato praticamente tutte le stanze dei tre piani del palazzo, compresa la scala interna e il terrazzo di copertura.

Curatori della mostra, nonché espositori con proprie opere, l’architetto Castrense Di Giovanni e la architetto Claudio Bozzaotra.

I commenti sono chiusi.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.