Quotidiano di informazione campano

LETTERA DI GIANNI TOFFALI

In questo mese di febbraio si terrà in Vaticano un incontro per affrontare il grave problema dell’abuso sui minori da parte del clero. Intervistato da un giornale on line, il presidente dell’Associazione Meter don Fortunato Di Noto, ha precisato che “nella Chiesa gli abusi sono commessi soprattutto su adolescenti da persone con spiccate tendenze omosessuali”. Per rimarcare l’identità maschile del fenomeno ha aggiunto che “il pedofilo il più delle volte è di sesso maschile e prova una forte attrazione sessuale verso i bambini prepuberi, cioè di età compresa tra zero e 13 anni”. Don Fortunato non ha scoperto nulla di nuovo. I testi storici confermano che la forma più diffusa e socialmente significativa di rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso in terra ellenica (e non solo ovviamente) consisteva tra “maestri” e giovani allievi entrati nella pubertà o adolescenti. Grande il mistero della preservazione delle donne dai giochi sporchi e dai vizi contro natura.

Gianni Toffali

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.