Quotidiano di informazione campano

LETTERA DI GIANNI TOFFALI

Il 27enne di fede islamica che ha sgozzato un ragazzo torinese è stato chiarissimo “L’ho ucciso perché aveva un’aria felice”. Nonostante la chiarezza del movente, la totalità dei commentatori non l’ha creduto! Gli espertoni hanno liquidato il fatto con le classiche categorie della psichiatria: disperazione, abbattimento, disagio, sconforto, etc. A nessuno sono  saltati in mente due “semplici” dettagli. Il primo è l’atto dello sgozzamento, vale a dire una pratica tipicamente islamica riservata agli infedeli. Il secondo è da ravvisare nella “cultura” islamica. Bin Laden, parlando della sua religione, soleva ripetere che “Noi amiamo la morte come voi amate la vita”. La frase è stata ripresa da vari islamisti omicidi e suicidi. L’assassino Said Machaoua, consciamente o meno, rispecchia tale cultura. Una cultura non sganciata dalla religione, anzi, dettata innanzitutto dalle prescrizione delle sure, dove la felicità è messa al bando e l’intolleranza verso i “politeisti” una regola di vita.
Gianni Toffali

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.