Quotidiano di informazione campano

LETTEREGIORNALE DEGRATO GIOVANILE DI GIANNI TOFFOLI

GIANNI DA VERONA CI SCRIVE ALLA GAZZETTA CAMPANA

Quotidianamente i media narrano di ragazzi che minacciano docenti, adolescenti che bullizzano i compagni e bambini che mettono in atto comportamenti aggressivi verso coetanei e insegnanti. Raramente gli organi di informazione segnalano o denunciano l’orrendo vizio del turpiloquio e della bestemmia che ha preso piede nell’universo giovanile. A partire dai dieci / undici anni in su (in non pochi casi anche prima) è praticamente impossibile trovare gruppi di adolescenti che non bestemmino o capaci di comunicare  senza slang boccacceschi. Pedagogisti ed educatori liquidano le parolacce e le offese a Dio, alla stregua di innocue ragazzate. Invece, i pochi preti sani sopravvissuti al modernismo, considerano le bestemmie un vero e proprio urlo dell’inferno. L’espressione dei preti, potrebbe sembrare demodè e fuori luogo, ma non lo è affatto. Basterebbe semplicemente chiedersi: come è possibile che nel giro di pochi anni, le qualità distintive dei bambini, vale a dire l’innocenza, l’amore e la purezza svaniscano nel nulla e riemergano prepotentemente trasformate sotto forma di male? Il poeta francese Charles Boudleaire diceva che “La più grande astuzia di satana è far credere che non esiste”. Senza scordarsi le responsabilità primarie dei genitori (dietro un figlio che bestemmia c’è sempre un genitore che fà altrettanto), l’ipotesi del regista&suggeritore occulto ventilata da Boudleaire è l’unica plausibile.

Gianni Toffali  PER LA GAZZETTA CAMPANA

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.