Quotidiano di informazione campano

LIBERATO: UN MISTERO DA SVELARE

Al giorno d’oggi vorrei sapere chi sentendo il nome “Liberato” non rizza le orecchie?

Che sia il cantante che vi fa perdere la testa o che si tratti di semplice curiosità, il cantante misterioso a colpito proprio tutti, grandi e piccini. Dopotutto il mistero porta nei cuori curiosità. La curiosità è un comportamento naturale, o come è meglio dire un vero e proprio istinto o impulso degli esseri viventi. Ed è proprio questa la strategia di marketing scelta dal nostro artista fantasma e da chi collabora con lui. In tanti hanno provato a sciogliere il dilemma “Liberato”, ma da quando è comparso nel Febbraio 2017, quelle sono rimaste solo teorie e nessuno è riuscito ancora a smascherare il cantante partenopeo. La sua storia comincia proprio nel 2017, dal suo un canale YouTube anonimo in cui viene pubblicata la canzone “Nove Maggio”, in seguito pubblica un’altra canzone “Tu t’e scurdat’ ‘e me” e si diverte a confondere le idee (viene annunciata la sua partecipazione al Miami, ma sul palco si presentano Calcutta, Izi, Priestess e Shablo). La storia prosegue con altri singoli, tutti pubblicati su YouTube e sulle piattaforme di streaming: arrivano – nell’ordine – “Gaiola portafortuna”, “Me staje appennenn’ amò”, “Intostreet” e “Je te voglio bene assaje”. Il 3 maggio Liberato annuncia un concerto sul Lungomare di Napoli in programma per il 9 maggio: si presentano all’appuntamento oltre 20.000 spettatori. Il 9 giugno si esibisce invece a Milano, in zona Barona. Per poi ricomparire sul suo blog dopo un lungo periodo di silenzio, con un post in cui annuncia che il 22 Giugno sarà in concerto a Roma, dopo ciò tutti i suoi ammiratori hanno dovuto attendere altre notizie che sembravano non arrivare mai, fino al 9 Maggio, giorno che sembra essere molto importante per l’artista. Infatti Liberato, per questa giornata speciale, fà un regalo ai suoi fans, pubblicando 5 nuovissime canzoni, in ordine “Guagliò”, “oi Marì”, “Nunn’a voglio ‘ncuntrà”, “Tu me faje ascì pazz” e “Niente”, che come le precedenti formano una sorta di storia, facendoci viaggiare nel tempo nei bellissimi panorami di Capri. Dopo questa splendida sorpresa i fans impazziti e impazienti non aspettavano altro che nuove date, che affiancassero quella di Roma, per sentire il loro amato cantante in live. E a questo sembra che il cantante ci abbia pensato molto, infatti pochi giorni dopo sul suo blog compaiono due post molto ambigui per le poche informazioni riportate, infatti come una caccia al tesoro, Liberato ha deciso di fornire poche informazioni alla volta. In questi vi era riportato, in uno Milano (Navigli) e nell’altro Napoli (Quartieri Spagnoli), con le reciproche date. Il post quindi non forniva ne orario, nè luogo, nè di cosa si trattasse e tantomeno non specificava se lui ci fosse oppure no. Questa notizia ha fatto impazzire tutti, che speravano facesse la sua apparizione, dopo aver svelato luogo e orario della prima tappa del 23 Maggio di Milano, solo la sera prima, ha anche lasciato intendere di cosa si trattasse e dove si sarebbe svolto l’incontro, ossia in una location per eventi temporanei e che avrebbe presentato la sua collezione di moda e gadget. La location famosa per ospitare eventi e tant’altro, allestita in chiave moderna e con un ampio bar non ha fatto demordere i tanti curiosi che hanno voluto sperare fino all’ultimo in una breve esibizione o comparsa. Tuttavia dalle parole dei fans speravano almeno che ci fosse un organizzazione per mostrare video esclusivi o sentire molto di più le sue canzoni. Nonostante ciò Liberato non smette mai di sorprendere, ora non aspettiamo altro che arrivi la sua collezione anche Sabato 25 a Napoli e perchè no magari ci saranno tante belle novità. Il consiglio a questo punto è non demordete, si questi sono sicuramente eventi a scopo di guadagno ma se davvero vi affascina la storia e il mistero che avvolge Liberato, potete sperare anche voi nel 25 e in nuove date che di sicuro usciranno per il tour del nuovo album.

Un grazie particolare va: LUCA, KATYA, SABRINA, per aver raccontato questa giornata a MILANO.

A cura di

Rosa Marfè

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.