Quotidiano di informazione campano

Lite davanti ad un circolo, batte la testa: diciannovenne in fin di vita al Moscati

0

SANTA PAOLINA – Batte con la testa dopo un diverbio finito a schiaffi davanti ad un circolo alle porte del paese e ora versa in fin di vita. Una lite che rischia di avere conseguenze drammatiche. Quella avvenuta alle due e mezza della notte nel comune dellhinterland avellinese. Una notte contrassegnata dalla violenza, a quanto pare. Allinterno del circolo dove si è consumata la tragedia i giovani avrebbero anche consumato alcolici. Probabilmente qualcuno di loro ha alzato il gomito.
Dalla prima, sommaria ricostruzione operata dai militari della Compagnia dei Carabinieri di Mirabella Eclano, protagonista della vicenda, oltre al diciannovenne ora in fin di vita al Moscati, sarebbe solo un ventiseienne, anche lui originario di Santa Paolina, operaio e incensurato. Tra laltro si conosceva anche con il diciannovenne finiti al Moscati. I Carabinieri stanno comunque vagliando ancora la possibilità che allesterno del locale, dove è avvenuta la lite, i soggetti coinvolti nella colluttazione non fossero solo i due ragazzi, ma ci siano altre persone. Per questo la ricostruzione per ora ipotizzata dai Carabinieri della Compagnia di Mirabella può essere anche suscettibile di qualche variazione. Per ora ecco cosa sarebbe avvenuto.
I due ragazzi, loperaio e il diciannovenne, per futili motivi, si sospetta per una ragazza o ancora per meno, ovvero per lo stato di alterazione psicofisica di uno dei due, hanno iniziato a litigare. Prima sono volate parole grosse, poi qualche spintone e cè anche chi avrebbe parlato di schiaffi. La tragedia era comunque dietro langolo. Perchè durante la colluttazione, mentre altri avventori del locale stavano tentando di sedare gli animi, il diciannovenne ha perso lequilibrio ed ha battuto fortemente con la testa sul selciato. Stando almeno a quanto raccontato nella concitazione di una serata di violenza gratuita, il diciannovenne non avrebbe perso immediatamente i sensi. Anzi, si sarebbe prima rialzato, e successivamente, quando le persone presenti hanno capito che non riusciva neppure a restare in equilibrio, è stato trasportato al Moscati.
Ed è proprio quando è giunto in Ospedale che il giovane è finito in coma. Le sue condizioni sono gravi e saranno necessarie almeno altre 48 ore per tracciare un preciso quadro clinico. Sulla vicenda sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri della compagnia di Mirabella Eclano.
Laggressore è stato identificato e denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Avellino per lesioni aggravate, ovviamente, nel caso in cui le condizioni del giovane che ha avuto la peggio dovessero complicarsi, le contestazioni a suo carico cambierebbero. I militari dellArma hanno ascoltati i numerosi testimoni che hanno assistito alla scena per ricostruire quei terribili attimi. La versione che è ancora al vaglio dei militari dellArma potrebbe infatti rivelarsi diversa, almeno per qualche particolare

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.