Quotidiano di informazione campano

Lu.Vo. Barattoli Arzano pronta per una stagione ad altissimo livello. Obiettivo minimo raggiungere i playoff e crescere ancora con le giovani. Scoppia immediata la grana relativa alle condizioni del Palasport  

0

Obiettivo playoff, con qualche piccolo sogno in più dell’anno scorso. Questo il pensiero che ha dominato l’ingresso in scena per la stagione 2015-2016 delle ragazze della Lu.Vo. Barattoli Arzano. Le ragazze della società  del presidente Raffaele Piscopo iniziano l’annata con il chiaro intento di migliorare i risultati ottenuti in quella lasciata alle spalle lo scorso maggio.

Del resto il direttore tecnico Antonio Piscopo lo ha detto a chiare lettere: Antonio Piscopo: “Abbiamo una squadra fortissima, la più forte degli ultimi 10 anni”.

In passerella dalle giovani leve come Seggiotti e Longobardi alle veterane come Nunzia Campolo e Dora Sollo: tutte sorridenti e determinate.

Del resto l’Arzano Volley ha la responsabilità di essere il faro della provincia napoletana, un valore che si ritrova anche nel settore giovanile: “L’anno scorso è stato quello più bello da allenatore del settore giovanile –continua Piscopo-. Abbiamo vinto 6 campionati giovanili, ed abbiamo partecipato a 2 finali nazionali con under 14 e 16.  Abbiamo fatto un ottimo anno sportivo e ringrazio ufficialmente Gianpaolo Marino che mi è sempre vicino . Siamo l’unica società del sud che ha partecipato a due finali nazionali e ne siamo fieri. Molte ragazze fanno enormi sacrifici per giocare con noi, soprattutto chi viene da lontano. Noi abbiamo la responsabilità di portarle in alto”.

Non è mancata la nota polemica riguardante la pessima condizione della tendostruttura Domenico Rea che ospita le gare casalinghe del team: “Le istituzioni politiche minacciano spesso di chiudere il PalaRea e dichiararlo inagibile. Alla prima difficoltà si tirano indietro, anziché andare a risolvere i problemi decidono di isolare e chiudere. E’ una vergogna”.

Dello stesso avviso anche il presidente della Fipav Campania Ernesto Boccia presente per fare l’in bocca al lupo al team: “Noi abbiamo dieci problemi in più rispetto ad ogni altro cittadino nasce in altri posti d’Italia. L’Arzano non è un’associane sportiva, ma quasi un ente, una colonna portante per la pallavolo in regione. Questa comunità non merita un’eccellenza così, e questa comunità non merita questa classe politica”.

Roberto Esse

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.