Quotidiano di informazione campano

L’Ue boccia la manovra: pensioni e pace fiscale nel mirino

Il governo ha tempo tre settimane per inviare una nuova bozza

Roma, 23 ottobre 2018 – La Commissione UE respinge la manovra italiana. La notizia della bocciatura, ampiamente prevista, è  arrivata puntualmente nel primo pomeriggio. L’Unione europea rimanda al mittente il Documento programmatico di bilancio e ne chiede uno nuovo, che dovrà essere redatto e inviato a Bruxelles entro tre settimane. Nel merito, l’Ue contesta i singoli provvedimenti introdotti dalla manovra, perché “indicano un chiaro rischio di retromarcia su riforme adottate in linea con le raccomandazioni Ue”. L’abolizione della legge Fornero è un passo indietro rispetto “alle riforme precedenti che puntellano la sostenibilità del debito”, il condono “può scoraggiare la già scarsa conformità al fisco, implicitamente premiando comportamenti non conformi” e “la riduzione sulle imprese che investono sono disinnescate dall’abolizione delle agevolazioni fiscali”. e invece, alla fine, il governo decidesse di mantenere invariati i cardini della manovra, si farebbe concreta la possibilità di un’apertura della procedura per deficit eccessivo per violazione della regola del debito.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.