L’ultimo saluto a Luca De Filippo al teatro Argentina di Roma. Molti gli amici e i colleghi venuti a rendere omaggio al grande artista scomparso la scorsa settimana. Presente anche l’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il presidente del Senato, Pietro Grasso.

E’ quasi tutto esaurito il Teatro Argentina, pieno in platea e fino agli ultimi ordini di palchi, per l’ultimo saluto a Luca De Filippo, il grande erede di papà Eduardo e della grande tradizione del teatro napoletano, scomparso venerdì a soli 67 anni. Ai piedi del palco, la bara, come per un ultimo ‘sipario’ da raccogliere, con una maschera di Pulcinella posata e intorno centinaia di amici e ammiratori che sin dalle 14 stanno sfilando compostamente. Tra i primi ad arrivare, Vincenzo Salemme, Enzo De Caro, Sergio Assisi, Lina e Massimo Wertmuller, Maurizio Casagrande, Roberto Herlitzka, Marisa Laurito, Carlo Giuffrè, Sergio Rubini, Lina Sastri, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Aurelio De Laurentiis e il direttore del Teatro Stabile di Napoli, Luca De Fusco. Alle 16,30 è prevista la cerimonia laica con Nicola Piovani al pianoforte e, tra gli altri, le parole di Massimo Ammaniti, Raffaele La Capria, Antonio Sinagra e Lina Wertmuller.

De Luca: “Sono qui per rinnovare cordoglio e solidarietà alla famiglia, ma anche per ricordare una straordinaria figura della cultura italiana, di grandissima qualità professionale e umana. Una perdita che abbiamo vissuto come una perdita di famiglia”. Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, arrivando al Teatro Argentina di Roma per l’ultimo saluto a Luca De Filippo, scomparso venerdì. “Lo ricorderemo nell’unico modo che abbiamo – dice – riproponendo la sua attività artistica, ma anche tenendo fede all’impegno preso con lui non più di tre settimane fa. In un incontro, ci aveva sollecitato a rinnovare le attività sociali iniziate da Eduardo per i ragazzi con devianze sociali. Credo che il modo migliore per ricordare la sua memoria sia proprio tenere fede alle straordinarie iniziative cominciate da Eduardo e proseguite da Luca”.

Antonio Bassolino: “Ho tanti ricordi personali, soprattutto al mare, in comune con Luca. Era una bella persona, un signore nel senso napoletano del termine. Un vero artista con un’eredità sulle spalle che avrebbe distrutto chiunque. Ma lui era stato bravo, aveva lavorato su se stesso ed era diventato un grande artista”. Così il candidato sindaco alla città di Napoli, Bassolino, arrivando al Teatro Argentina per l’ultimo saluto a Luca De Filippo. “Come ad un certo punto di Eduardo De Filippo si diceva solo Eduardo – prosegue Bassolino – ora anche Luca De Filippo era diventato solo Luca. Dopo la perdita di Rosi, di Pino Daniele e ora anche di Luca, per Napoli è dura. Ma ci impegneremo a portare avanti i progetti a cui teneva tanto. Bisogna farlo uniti, maggioranza e opposizione, perché Luca Napoli ce l’aveva nel sangue. E noi dobbiamo essere degni e rispettosi del contributo che ha dato alla nostra città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio