Quotidiano di informazione campano

Lunedì 4 maggio seconda parte del concerto “Puccini in lockdown”Valeria Sepe canta “o mio babbino caro”

accompagnata dai musicisti dell’l’Orchestra del Festival Puccini e dell’Orchestra della Toscana, guidati dalla bacchetta di Gianna Fratta

Dopo la grande risonanza, anche mediatica oltre che di successo social della prima parte trasmessa anche dalla Rai in Eurovisione del Coro a bocca chiusa, lunedì 4 maggio “in scena” la seconda parte del concerto Puccini in lockdown ideato dalla Fondazione Festival Pucciniano con la Fondazione Orchestra Regionale della Toscana sotto la direzione artistica di Giorgio Battistelli “Puccini in lockdown è una prima reazione alle costrizione del Covid- dichiara Battistelli; un invito che abbiamo fatto ai musicisti a riprendere la loro attività, pur in isolamento e che hanno accolto l’invito realizzando le performance ognuno nel salotto di casa propria”. Un vero live con audio e video ripreso da ciascun artista e mixati dall’ingegnere del suono Luca Bimbi. 65 le tracce lavorate in questa seconda performance.  Un concerto che esprime  la  voglia di tornare a fare “musica e spettacolo dal vivo” e allora alle ore 12 di lunedì 4 maggio  tutti sintonizzati sul canale YouTube #festivalpuccini  per emozionarsi con una delle arie più famose del repertorio pucciniano “O mio babbino caro”  interpretata da Valeria Sepe, artista partenopea tra  i più promettenti giovani soprani nel panorama musicale italiano , acclamata interprete al Festival Puccini 2019 nel ruolo di Liù e protagonista di una brillante carriera su prestigiosi palcoscenici del mondo. A coordinare la performance sarà la direttrice Gianna Fratta che così definisce questo famoso brano  “O mio babbino caro è l’aria del convincimento, quella di una figlia che vuole persuadere suo padre Gianni Schicchi a trovare una soluzione affinché lei possa sposare il giovane Rinuccio, di cui è innamorata”.  Ultima parte del concerto “Puccini in lockdown” è per venerdì 8 maggio  con il tenore  Amadi Lagha interprete sempre da Gianni Schicchi dell’aria Firenze è come un albero fiorito. La presidente della  Fondazione Festival Pucciniano Maria Laura Simonetti  ringrazia quanti hanno collaborato e contribuito a realizzare questa epica impresa, l’Orchestra della Toscana,  il direttore artistico Giorgio Battistelli, il direttore generale Franco Moretti, il direttore musicale Alberto Veronesi, gli staff delle due istituzioni  e gli artisti tutti. #festivalpuccini #orchestradellatoscana

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.