Quotidiano di informazione campano

Più mele, più sesso: il frutto proibito è un potente afrodisiaco per le donne

0

Quando Eva, nel giardino dell’Eden, allungò la mano verso quel rosso frutto proibito non faceva altro che seguire un istinto e anticipare quello che la scienza, oggi, ha appena scoperto: la mela, per le donne, agisce come un afrodisiaco, capace di risvegliare la sessualità addormentata. Un viagra naturale, più disponibile e certamente più a buon mercato delle tante pillolette rosa che sono da qualche anno allo studio delle aziende farmaceutiche.

Lo hanno scoperto all’Università di Firenze e i risultati della ricerca hanno ricevuto l’imprimatur scientifico con la pubblicazione sulla rivista specializzata Archives of Gynecology and Obstetrics. Sotto esame, i comportamenti di oltre settecento donne, tra i 18 e i 43 anni, che hanno accettato di rispondere al FSFI, il Female Sexual Function Index utilizzato abitualmente per valutare la qualità della vita sessuale delle donne: 19 domande, in forma strettamente anonima per evitare che qualche imbarazzo potesse falsare il risultato, su eccitazione, desiderio, soddisfazione durante il rapporto. Tutte hanno dovuto poi indicare se e quante mele consumavano ogni giorno.

Analizzando i dati, i ricercatori hanno scoperto che le donne che mangiavano più mele dichiaravano maggiore soddisfazione sessuale, soprattutto se lo facevano senza sbucciarle. Il segreto sta nella florizina, particolarmente presente nella buccia, una sostanza simile all’estradiolo, ormone femminile indispensabile per l’eccitazione.

Mela riabilitata dunque. O forse defintivamente condannata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.