Quotidiano di informazione campano

Meteo | NATALE, CAPODANNO con l’alta PRESSIONE. GELO a Gennaio?

Oggi natale che che tempo faNebbia e GELATE in Valpadana, alta pressione in AUMENTO. Svolta GELIDA dopo CAPODANNO

0

Con questo articolo vogliamo parlarvi della situazione meteo che andrà a configurarsi nel corso dei prossimi giorni: alta pressione in forte aumento, ma da Gennaio potrebbe cambiare tutto!.
25-26 DICEMBRE – Con l’alta pressione il tempo sarà bello, prevalentemente soleggiato. Da segnalare soltanto il possibile ritorno di banchi di nebbia, anche fitti sulla Pianura Padana, specie centrale e occidentale, e una maggior nuvolosità lungo le coste, ma innocua.
CALDO SUI MONTI E SUI COLLI – Se nelle zone di pianura, ove la nebbia resisterà, le temperature si manterranno piuttosto fredde, lo stesso non si potrà dire dei rilievi: sui monti e in collina le temperature massime si manterranno sopra la media del periodo.
MASSIMI ANTICICLONICI PIU’ DECENTRATI A OVEST – I massimi anticiclonici sono previsti sull’asse Francia-Baleari-Algeria, passanti anche per il Nord Italia e le nostre regioni più occidentali. Fulcro principale dell’alta pressione, quindi, leggermente spostato a Ovest. 
PIU’ FREDDO SUL MEDIO E BASSO ADRIATICO?– Questo dato lascia un minimo di incertezza per le regioni del medio-basso Adriatico ove magari la copertura dell’anticiclone potrebbe essere giusto al limite. Su queste aree non sono escluse delle infiltrazioni più fredde da Nord che potrebbero portare un contesto termico freddo e magari una maggiore ventilazione settentrionale. Al momento, non sono computate altre conseguenze, ma ci riserviamo di fare ulteriori indagini per eventuali possibili fastidi anche in termini di instabilità sulle regioni del medio-basso Adriatico.
ATTENZIONE ALLE NEBBIE E ALLE GELATE – Naturalmente, come è caratteristica dell’alta pressione invernale, potranno esserci le condizioni per la formazione di nebbie soprattutto sulle pianure del Nord, talora anche fitte, con visibilità ridotta, e persistenti per tutta la giornata. Altro fenomeno da tenere presente, specie nella notte di San Silvestro, le possibili gelate diffuse per aria più fredda in seguito a una sostanziosa inversione termica e all’irraggiamento notturno. 
GELO DAL 3 GENNAIO? – Volendo volgere lo sguardo anche un po’ “oltre il consentito”, ci sono indicazioni sul lungo termine per una possibile circolazione più fredda settentrionale a partire dai giorni dopo il Capodanno e verso la Befana, con rischio di manovre più invernali e arrivo della neve su parte delle nostre regioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.