Quotidiano di informazione campano

Milano la coppia in cella,le imi infastitiva su facebook’, e l’aggredito con un secchio di acidio

0

Una ritorsione nei confronti dell’ex fidanzato del liceo, colpevole di averla ‘infastidita‘ con messaggi su Facebook. Sarebbe questo il movente che ha spinto Martina Levato, 23enne studentessa alla Bocconi, ad aggredire il 22enne Pietro B., lanciandogli addosso dell’acido. La giovane ha agito insieme al suo nuovo compagno, Alexander Boettcher di 30 anni, il quale lavora in Borsa per una società immobiliare. Una coppia diabolica che domenica è entrata in scena, intorno alle 17.40 in via Giulio Carcano a Milano, nella zona sud est della città.

Un agguato contro il 22enne che vive a Boston e rientrato in Italia solo per festeggiare il Natale con la sua famiglia. Nel maggio scorso i due ex fidanzati iniziato a scambiarsi messaggi attraverso il social network, gli ultimi due datati 27 novembre e 25 dicembre, la ragazza non risponde. Messaggi solo amichevoli, ora al vaglio degli investigatori, che spingono però a mettere in atto il piano: la vittima viene attirata nella trappola dopo aver ricevuto alcune telefonate da parte di una fantomatica ditta di spedizione che lo invitava a un appuntamento per potergli consegnare un regalo. Appuntamento fissato in via Carcano dove il ragazzo arriva insieme al padre.

Una volta sceso dall’auto la ragazza gli rovesciato contro dell’acido, colpendolo al volto, agli arti e all’addome, mentre il 30enne ha iniziato a inseguirlo con un martello. La vittima e il padre sono riusciti a immobilizzarlo prima dell’arrivo degli agenti, ma il 30enne non ha confessato nulla, mentre la ragazza riusciva a far perdere le sue tracce. Una volta trasportato in codice giallo all’ospedale di Niguarda – non è in pericolo di vita – , il 22enne si è ricordato delle strane telefonate e dei messaggi con la studentessa, la quale ha confessato le sue responsabilità. Processati con rito direttissimo con l’accusa di lesioni gravissime il giudice ha convalidato l’arresto disponendo la misura del carcere. Nel maggio scorso la 23enne è stata protagonista di un altro episodio: dopo essersi appartata in auto con un compagno di studi avrebbe tentato di evirarlo, episodio finito in un fascicolo arrivato in procura.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.