Quotidiano di informazione campano

Miss Italia: Clarissa, “giovani devono restare”, e promuove Renzi

EVNTI ,LA MISS ITALIA 2014,DA RADIO PIAZZA NEWS

0

Jesolo (Venezia), 16 set. – (dall’inviato Enzo Castellano) Clarissa Marchese, la nuova Miss Italia, non prevede che sia oltreconfine il suo futuro lavorativo e le piace il premier Matteo Renzi “per come sta operando”, tanto da promuoverlo a pieni voti. “C’e’ gia’ chi sta lottando per il lavoro ai giovani, per fare in modo che i giovani non scappino dal Paese. Renzi e’ un politico giovane che sta cercando di dare una svolta per i giovani”. Se non e’ un vero e proprio endorsement, ci siamo quasi. E arriva in piena conferenza stampa che chiude la rassegna. “Dobbiamo essere noi a trovare la forza per rimanere qui e cambiare le cose. Se invece continuiamo a scappare alla prima occasione, o avversita’, allora non serve a nulla quello che si fa. Ce la mettero’ tutta, come devono fare i giovani della mia generazione che spesso lasciano l’Italia alla minina difficolta’ cercando lavoro all’estero. Renzi parla alla nostra generazione invitandoci a fare questo, io il mio futuro me lo voglio costruire in Italia”. Quindi hai votato per Renzi?, la domanda in sala a quel punto d’obbligo. E la risposta sta nel sorriso traquillo e aperto della ventenne siciliana della provincia di Agrigento che ieri sera ha visto coronare il sogno di essere riconosciuta come la piu’ bella del Paese. Corona di Miss Italia in testa dopo aver trascorso una notte insonne, sa di avere davanti un anno di grande visibilita’ nello spettacolo e nella moda ma anche l’universita’ per gli studi di logopedia dove nei prossimi giorni si iscrivera’ a Parma, provando a mettere insieme le due cose. E chiarisce di non essere una secchiona. Quanto alla sua avventura nel concorso di bellezza nazionale, Clarissa sottolinea che in qualche modo lei stessa si vedeva come una favorita per la vittoria finale: “Solo per il fatto di venire dalla Sicilia mi davo tra le favorite”, riferimento al fatto che nel 2012 e nel 2013 hanno vinto due corregionali, Giusy Buscemi e Giulia Arena. E a voler fissare un’asticella nel pronostico, “da 1 a 10 mi davo 8…”. Che sia presunzione o forte fiducia in se stessa, alla fine i fatti le hanno dato pienamente ragione, e’ lei la nuova Miss Italia.
Eppure, nonostante tanta sicurezza, al momento della proclamazione “mi sono sentita spiazzata, li’ per li’ non ci capisci niente, non ci si rende conto di quanto avviene. C’e’ un altalenarsi di emozioni e proprio perche’ non te ne rendi conto, quando e’ stato annunciato il numero 23 (il suo in gara, ndr), ho fatto un passo avanti come se mi avessero chiamata per una ulteriore selezione…”. E quando qualcuno stamane l’ha salutata dicendole ‘buongiorno Miss Italia’, lei e’ anche rimasta di stucco, “non ci credevo ancora che lo dicessero a me”. La ragazza dice che “Miss Italia e’ una sfida, non e’ qualcosa che si esaurisce qui, ce la faro'”, e la bellezza “e’ una cosa importante ma non basta, dev’esserci altro dietro”.
Niente fidanzato; le piace leggere, in particolare Camilleri; reputa Morgan Freeman il miglior attore, “riesce ad interpretare al meglio qualsiasi ruolo”, mentre tra le attrici la sua preferita e’ Angelina Jolie, “ma non solo per come recita”. Tra i protagonisti dello spettacolo italiano, il preferito e’ Fiorello, “e’ bravo a fare tutto”. Parlando di se’, dice che la parte migliore e’ il sorriso, “non sono il tipo capace di ammaliare con lo sguardo, il sorriso parla da solo”. E poi il capitolo studio: “Mi hanno definito secchiona e non mi piace perche’ nell’immaginario comune s’intende una persona che non ha altri interessi. Io invece ho voglia di sapere, di imparare”. E di restare in Italia. (AGI) .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.