Quotidiano di informazione campano

Morti donna e bimbo, omicidio-suicidio

0

RAVENNA, 30 NOV – I corpi di una donna di 30 anni e del figlioletto di un anno sono stati trovati all’interno di un appartamento nel Ravennate, in una villetta di campagna nella frazione di Borgo Serraglio, tra Massa Lombarda e Conselice. Gli inquirenti propendono per l’ipotesi di omicidio-suicidio. Sono intervenuti i carabinieri e il Pm di turno Lucrezia Ciriello.

    Madre e bimbo erano nella vasca da bagno. Si tratta di Gilca Iren Ribeiro Reis, 30 anni, originaria di Salvador in Brasile. E il figlioletto Enrico Gemelli di 18 mesi. I due corpi sono stati ricomposti all’obitorio dell’ospedale di Lugo.

Sembra che la giovane donna da tempo soffrisse di depressione, forse legata al periodo seguito al parto. Al momento non sono state trovate lettere che possano spiegare l’accaduto, anche se sono al vaglio dei carabinieri alcuni scritti recuperati nell’abitazione.

A trovarli morti è stato il padre del piccolo, un italiano titolare di un’impresa della zona di macchine movimento terra. Era con un altro familiare. Insieme avrebbero tentato invano di rianimare la donna e il piccolo. “Ho provato a salvarli ma non ce l’ho fatta, avevo solo bisogno di un po’ di aiuto, perché non mi hanno aiutato?”. Così, per quasi un’ora, ha continuato a urlare il compagno della donna, una volta sceso in cortile. Secondo quanto riferito da un’amica, ieri mattina la giovane donna era stata in ospedale a Lugo per accertamenti. E’ probabile che entrambi siano morti per annegamento, come emerge da una prima ispezione esterna. Lo accerteranno ulteriori esami e l’autopsia, prevista a inizio settimana anche per escludere l’assunzione di eventuali farmaci da parte della donna. Sui corpi non sono stati trovati segni riconducibili in maniera evidente a eventuali aggressioni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.