Quotidiano di informazione campano

Muore nel nolano un operaio del pastificio Ferrara schiacciato da un macchinario

Cronaca in Italia questa settimana abbiamo pubblicato tanti articoli di persone che sono morte sul lavoro dal nord al sud

Nel nolano  stamattina nel pastificio Ferrara un dipendente, Aniello Bruno, 32enne della zona, è deceduto sul colpo dopo essere stato schiacciato da un macchinario. I familiari affranti, insieme alla sua fidanzata, sono giunti sul posto appena appresa la notizia.Il fatto è accaduto intono alle 17.30 della giornata di ieri, Aniello è intervenuto per mettere in sesto la macchina per l’imballaggio delle pasta quando purtroppo qualcosa è andato storto.

Il 32enne era un operaio esperto, nonostante la giovane età, si era accorto che i pacchi di pasta non erano allineati durante la fase d’imballaggio così è entrato nella nel gabbiotto dove si trovava il macchinario per rimetterli al loro posto.

Di regola quando questa gabbia viene aperta dovrebbe scattare l’allarme di sicurezza che blocca la produzione, ma appena Aniello è entrato la macchina è scesa schiacciandolo mortalmente. Per lui non c’è stato niente da fare, come riporta Edizione Caserta, quando i suoi colleghi hanno tentato di distenderlo in attesa dei soccorsi il ragazzo era ormai già morto in un lago di sangue.

Sul posto è arrivata la polizia di Nola, un’ambulanza ed il magistrato che ha ascoltando i dipendenti del reparto in cui è avvenuta la tragedia. Sul caso è stata aperta un’inchiesta, predisposto il sequestrato dell macchinario e disposto l’esame autoptico del cadavere, portato all’obitorio di Napoli. noi della redazione non abbiamo avuto il coraggio di andare a fare foto e non volevamo neanche parlarne perche’ conoscevamo al giovane e a tutti gli altri lavorati ,impiegati ,e propretari ci lega una amicizia da anni se oggi era vivo il cavaliere Ferraro un uomo dal cuore doro come anche i figli ,non so come dire siamo rimasti scioccati, e un pastificio all’avanguardia ,uno dei migliori pastifici,quando arrivano certe disgrazie,io accorsi l’altra volta quando ci fu un incendio ,ma tutto e passato ma il dolore piu forte e per questo ragazzo la redazione tutta resta vicino alla famiglia del giovane e ai titolari del pastificio

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.