Quotidiano di informazione campano

Napoli adesso si spara addirittura per le movide anche un fermo per un figlio esponente clan

Cronaca napoli e provincia, Si sta esagerando con queste famose movida e i comuni e' il governo dormono

0

Giuseppe Troncone, 20 anni, figlio di un esponente di un clan attivo nella periferia occidentale di Napoli, è stato fermato dalla polizia con l’accusa di tentativo di omicidio nell’ambito delle indagini sulla sparatoria avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 novembre scorso davanti ai baretti di Chiaia, luogo della movida napoletana, durante la quale furono feriti quattro ragazzi. Il provvedimento di fermo è stato emesso dai pm della Dda Celeste Carrano e Antonella Fratello.
Avrebbe tentato di depistare le indagini quando la notte stessa della sparatoria si recò al pronto soccorso dell’ospedale di Pozzuoli, sostenendo di avere subìto una rapina e inducendo altre persone a riferire il falso. Troncone fu ferito con una coltellata all’addome e alle gambe. Agli investigatori disse di aver sparato solo dopo che era stato circondato da un gruppo di giovani del quartiere San Giovanni a Teduccio. Gli inquirenti ipotizzano che quella notte si siano sfidati due gruppi di giovani che si erano dati appuntamento su Fb.CRONACA NAPOLI E PROVINCIA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.