Quotidiano di informazione campano

Napoli – Agguato a Forcella un morto e un ferito

0

Napoli – I clan di Forcella affittano casa confiscata. Li dove un tempo Maradona si faceva fotografare nella vasca da bagno a forma di conchiglia, oggi vivono stipati come sardine i sette componenti di una famiglia rom, che da cinque giorni si è allargata ulteriormente con la nascita del neonato che si vede nelle immagini. La casa, confiscata al gruppo camorristico dei Giuliano nel quartiere di Forcella e riassegnata al comune di Napoli era stata fittata, secondo le prime indagini, dalle stesse persone vicine al clan, a famiglie di extracomunitari e rom. La scoperta è stata fatta oggi, durante una vasta operazione di controllo della Polizia Municipale, in abitazioni affittate ed occupate da immigrati. La casa, in vico della Pace, fu occupata in passato dal boss Carmine Giuliano poi in seguito, nel gennaio del 2003, fu sequestrata dopo l’arresto di 28 presunti terroristi di origine pakistana che, secondo i pm, utilizzavano l’appartamento come base logistica preparandosi per eventuali attentati. In una parte della grande casa gli agenti della Polizia Municipale hanno trovato una famiglia rom, tre donne un uomo e tre bambini mentre in altre stanze c’erano letti e suppellettili utilizzati probabilmente da un altro gruppo di immigrati non presenti al momento dell’irruzione. 500 euro al mese il costo del fitto, pagato dagli occupanti a una fantomatica signora dai capelli biondi, che si è spacciata per la proprietaria dell’appartamento. Nello stesso edificio sono stati individuati altri appartamenti, tutti in pessime condizioni igienico sanitarie, dove alloggiavano dieci extracomunitari fermati per accertamenti. A loro è stato sequestrato un ingente quantitativo di merce contraffatta, in particolare borse delle griffe più importanti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.