Quotidiano di informazione campano

Napoli – Apertura della stagione teatrale

Al Teatro Augusteo di Napoli, il debutto dello spettacolo “Belle Ripiene – Quando la gastronomia fa spettacolo!

Napoli – “Una gustosa commedia dimagrante” con protagoniste Rossella Brescia, Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi e Samuela Sardo. La commedia di Giulia Ricciardi, scritta con Massimo Romeo Piparo che firma anche la regia, resterà in scena fino a domenica 4 novembre 2018. Uno spettacolo tutto al femminile! Un esilarante spaccato di vita dove protagonisti del racconto sono il cibo e gli uomini: le donne amano mangiare, ma poi si costringono a infernali diete dimagranti, ci sarà un elemento in comune tra il loro rapporto col cibo e quello con gli uomini? Lo spettacolo è una “gustosa commedia dimagrante” ambientata in una vera cucina, tra pentole e fornelli. Nei panni di Ada troviamo Tosca D’Aquino; Dada è Samuela Sardo; Ida è interpretata da Rossella Brescia; e Leda da Roberta Lanfranchi: le protagoniste di “Belle Ripiene” cucineranno delle vere pietanze, ognuna con la propria estrazione geografica dal Salento a Napoli, da Roma all’Alta Padana, e “accenderanno” un confronto sul loro rapporto con i rispettivi uomini e le rispettive quasi realizzate esistenze. Al termine di questo racconto “dimagrante” toccherà al pubblico condividere con le attrici i piatti cucinati, ma non certo i loro uomini, che rimarranno relegati tristemente nella lista dei “cibi proibiti” dal dietologo dell’amore. Con la consulenza enogastronomica dello Chef Fabio Toso e il patrocinio della Federazione Italiana Cuochi e Lube Cucine, lo spettacolo sarà anche un’occasione per gustare a sorpresa assaggi appetitosi e insoliti: appositamente per la commedia è stato creato lo “Scrigno Belle Ripiene”, un piatto a base di cime di rapa, guanciale croccante, pomodoro piennolo confit e fonduta di stracchino. “Belle Ripiene” è prodotta dal teatro Sistina; le scene sono di Teresa Caruso; i costumi di Cecilia Betona; le luci di Daniele Ceprani; e il suono di Domenico Amatucci. È qualcosa di insolito che il teatro diventi un luogo per assaggi gastronomici: accade che durante lo spettacolo una delle attrici scenda in platea e proponga un assaggio ad alcuni spettatori; il pubblico diviene parte integrante della scena; una cucina dove la scena muta con cambi scenici di pannelli calati dall’alto e elementi girevoli. Il locale con annessa cucina rischia di chiudere i battenti; tra alterne vicende il finale a sorpresa! Il racconto scenico è concentrato dietro le quinte; una cucina ma nel locale attiguo succede di tutto e di più!  Tra altro è atteso un personaggio; un ispettore chef; per le quattro amiche, che hanno aperto il ristorante,  è una attesa affannosa  con moment di ironia e comicità!

A.R.

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.