A soli sei anni era diventato un valido e prezioso aiuto della criminalità organizzata locale avendo il ruolo di  far sparire le armi durante i blitz delle forze dellordine in casa dei boss. Secondo quanto scrive il quotidiano campano Il Mattino, è quanto hanno scoperto i carabinieri durante le intercettazioni dellinchiesta che questa notte ha portato allarresto di cinque presunti affiliati ai clan camorristici di Ercolano, in provincia di Napoli. Le forze dellordine non erano mai riuscite  a capire come mai durante i blitz a sorpresa in casa dei boss del quartiere non riuscissero mai a trovare delle armi. Dalle intercettazioni ambientali, ora allegate agli atti delle ordinanze di custodia cautelare eseguite dai militari, si è scoperto però lincredibile verità. Nel dialogo intercetto e registrato dagli inquirenti, la mamma e il papà del piccolo si compiacciono delle azioni del bambino che nonostante la tenera età purtroppo era stato già avviato sulla strada della delinquenza da un contesto familiare problematico.

Il bambino giocava con armi vere

Ridendo i due genitori rivelano anche un altro particolare agghiacciante, il fatto che il piccolo avesse in più occasioni giocato con un kalashnikov vero e non con un giocattolo. Secondo gli inquirenti il bimbo sembra che agisse spinto dal desiderio di salvare e difendere la madre dai poliziotti. Al piccolo infatti era stata inculcata la paura dellarresto dei genitori che per lui avrebbe significato laffido ai servizi sociali. Il piccolo era così terrorizzato che alla vista degli agenti correva subito a nascondere le armi che erano in casa occultandole anche tra i sui giocattoli essendo sicuro di passare inosservato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com