Quotidiano di informazione campano

NAPOLI – Convegno UIL pensionati, le dichiarazioni di Barbagallo, Moretti e Ciccone

Dott. Michele Giustiniano PER RADIO PIAZZA EVENTI

Si è da poco concluso, presso la sala conferenze dell’Hotel Terminus di Napoli, il convegno L’evoluzione tecnologica e l’impatto sul welfare. Un quadro normativo per uno Stato Sociale alla prova del cambiamento, organizzato dalla UIL pensionati della Campania, al quale hanno preso parte Carmelo Barbagallo, segretario generale della UIL nazionale, Giovanni Sgambati, segretario generale della UIL Campania, Biagio Ciccone, segretario regionale della UIL pensionati, Sergio Buonanno, amministratore Delegato di Invitalia VenturesFederica Caracò, ingegnere biomedico vincitrice del premio internazionale Health Technology Challenge AIIC, Valeria Fascione, assessore regionale con delega alle StartUp, all’innovazione e all’internazionalizzazione, Alessandra Moretti, eurodeputato, Elio Pariota, Direttore Generale Università Telematica Pegaso, e Stefano Ronchi, managing partner di Valore srl, moderati dal giornalista culturale Michele Giustiniano.

«Una politica economica che non si fonda su processi industriali innovativi e tecnologici è miope – ha dichiarato nel corso della giornata il segretario Carmelo Barbagallo –  oggi con le piattaforme digitali si fanno più soldi che con le piattaforme petrolifere: bisogna regolamentare questi fenomeni per evitare nuove storture e nuove diseguaglianze. L’innovazione tecnologica è generatrice di progresso, ma questi processi di trasformazione vanno governati per far sì che determinino anche un diffuso benessere sociale. Oggi non sempre è così, anzi, nel mondo, i ricchi sono sempre più ricchi e meno numerosi, mentre i poveri sono sempre più poveri e numerosi. È indispensabile, quindi, tra le altre cose, strutturare un nuovo welfare più efficiente e capillare che ponga rimedio alle nuove condizioni di disagio scaturite da percorsi di modernizzazione non sempre adeguatamente regolati».

«Giornate di studio e riflessione come questa – ha commentato il segretario regionale della UILP Campania Biagio Ciccone –  non sono semplicemente importanti, ma necessarie, perché il sindacato deve essere al passo con i tempi per poter esercitare le funzioni che gli competono. Noi non vogliamo accontentarci di seguire passivamente il cambiamento, ma vogliamo guidarlo, ponendoci come facilitatori dei processi di sviluppo tra gli attori in causa».

«Dobbiamo cominciare a ragionare di tutela del lavoratore anziché di tutela del lavoro – ha affermato l’eurodeputata Alessandra Moretti – è un passaggio che in Italia, purtroppo, è mancato in passato, quando alcuni degli elementi che abbiamo di fronte oggi stavano iniziando a manifestarsi, ma è un passaggio che dobbiamo convincerci a fare, un nuovo modo di concepire il sistema di protezione sociale che prenda in considerazione l’individuo nel suo complesso e non solo come lavoratore. Dobbiamo prendere atto che da qui ai prossimi 10-15 anni saremo di fronte ad uno sconvolgimento enorme del nostro modo di produrre e lavorare e abbiamo il dovere di farci trovare pronti».

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.