Quotidiano di informazione campano

NAPOLI E LA CAMPANIA IN ANSIA PER LA PICCOLA NOEMI. di Nicola Valeri

La piccola è ricoverata con prognosi riservata all’Ospedale Pediatrico Santorini di Napoli.
La piccola Noemi, 4 anni si è trovata nel posto sbagliato insieme alla nonna, anche lei ferita, quanto improvvisamente malviventi presumibilmente, ‘cani sciolti’ portavano a termine una spedizione punitiva nei confronti di un pregiudicato di un clan rivale che rimaneva ferito gravemente. Ma i malviventi sparando all’impazzata tra la folla, come più volte accade, non hanno tenuto Conte che potevano colpire una persona innocente che sfortunatamente passava per la zona. Come è successo nel passato ad Annalisa Durante, Genny Cesarano, Giuseppina Guerriero e tante altre persone innocenti, è toccato alla piccola Noemi di 4 anni che era con la nonna al momento e posto sbagliato. Nella sparatoria ad opera di clan spietati veniva colpita sia la bambina che la nonna. La piccola è in codice rosso al SANTOBONO di Napoli. È in coma farmacologia e il proiettile che – dicono i medici – non ha reciso zone vitali è stato estratto e non dovrebbe subire alcuna paralisi come si era temuto. Comunque la prognosi dovrebbe essere sciolta nelle prossime ore. Tutta Napoli è in ansia per la piccola Noemi. Il sindaco Da Magistris ha sospeso tutti i suoi impegni per stare vicino alla bambina come pure il Presidente della Regione Da Luca. In tutte le chiese della città e della Campania si è pregato per Noemi. Anche il Cardinale Sepe nel Duomo di Napoli dove c’è stato il Miracolo di San Gennaro ha chiesto di pregare per la piccola Noemi. È la foto della bambina è stata pubblicata sui social, in particolare Facebook e Twitter in cui migliaia di followes hanno espresso il proprio dolore e la vicinanza alla famiglia di Noemi.
Nicola Valeri

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.