Quotidiano di informazione campano

Napoli. Giococena con le scrittrici Annella Prisco e Lucia Stefanelli Cervelli

Giococena: La Prisco è docente di materie letterarie, operatrice culturale ed esperta nel settore della comunicazione e delle pubbliche relazioni. La Stefanelli Cervelli è regista, attrice, sociologa della comunicazione scenica.

0

Al Clubino – Napoli,  in via Luca Giordano, 73 – mercoledì 4 febbraio, alle ore 20,30, vi sarà un nuovo ed interessante appuntamento della “GiocoCena con lo scrittore”. Protagoniste della serata le autrici  Annella Prisco e Lucia Stefanelli Cervelli.

Interverrà  Aldo Putignano, editore e scrittore. A moderare l’evento Vincenza Alfano, scrittrice, mentre le letture saranno affidate a Annamaria Ackermann.

Ritorna dunque, in settimana,  il consueto appuntamento mensile della Giococena a “Il Clubino”: dall’aperitivo alla cena, l’incontro con lo scrittore diventa opportunità di giocare con la sua scrittura, per scavare nel suo mondo e conoscerne i segreti, i tic, i motivi d’ispirazione.

Diviso in squadre, il pubblico in sala si cimenterà in giochi di parole, indovinelli, prove di scrittura che avranno per spunto l’opera dello scrittore ospite della serata. La parola letteraria al centro dell’attenzione, dunque, in una sfida mozzafiato.

Per l’occasione, Lucia Stefanelli Cervelli, coi suoi racconti monologanti de: “L’occhio fisso” – Homo Scrivens –  c’insegna a guardare la realtà usando la lente terminale di un cannocchiale, con la precisione di un mirino, senza lasciare al malcapitato nessuna via di scampo.

La Stefanelli Cervelli è regista, attrice, sociologa della comunicazione scenica. Ha scritto e rappresentato numerosi testi teatrali e fiabe in forma scenica; l’edizione completa del suo teatro è stata pubblicata da Homo Scrivens (Teatro 2013). Ha fondato con Gianni Spataro l’Associazione di Cutlutra Teatrale “L’Ascolto”. Ha pubblicato numerose raccolte di liriche e il volume “L’occhio strabico”.

Annella Prisco Saggiomo, di suo,  con “Appuntamento in rosso” – Guida – ci apre le porte del suo universo narrativo. “Tutti nella vita meriterebbero un appuntamento”. È probabilmente questo il senso del romanzo, ma anche tanto altro che la serata del prossimo 4 febbraio potrà rivelarci.

La Prisco è docente di materie letterarie, operatrice culturale ed esperta nel settore della comunicazione e delle pubbliche relazioni. Attualmente è funzionario della Regione Campania nel settore cultura e spettacolo. È stata Consigliere d’Indirizzo nella Fondazione Ravello ed è vicepresidente del Centro Studi Michele Prisco, intitolato alla memoria del padre. Collabora con vari Enti e con quotidiani e periodici, in particolare con la redazione napoletana de “La Repubblica”. Ha esordito nel 1998 con il romanzo “Ricordi senza memoria”, a quattro mani con Monica Avanzini, cui hanno fatto seguito “Chiaroscuri d’inverno” e “Trenincorsa”.

Erika Sito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.