Quotidiano di informazione campano

NAPOLI-LA SVOLTA PER LA CHIRURGIAUROLOGICA ROBOTICA

0

Il nuovo sistema robotico DaVinci, dellInt. Fondazione G. Pascale di Napoli, per una chirurgia urologica robotica minimamente invasiva per i pazienti, capace di assicurare risultati eccellenti e tempi di recupero rapidi, limitando drasticamente il fabbisogno di trasfusioni, accorciando la durata dellintervento e mitigando anche i rischi di complicanze. Si tratta di un modo per contribuire ad attrarre pazienti e a permettere ai medici di affrontare i casi più complessi in modo minimamente invasivo, riducendo anche la mobilità passiva extraregione e i costi passivi del sistema sanitario regionale.

 

confronto coloro i quali hanno reso la chirurgia robotica meno invasiva: una procedura ormai standardizzata e codificata a tal punto da renderla Standard care in molte, se non in tutte le patologie urologiche. Lobiettivo delle due giornate di studio è avvicinarsi al sistema robotico DaVinci come ad una procedura facilmente perseguibile ed accessibile. Nella stessa occasione sarà anche presentata lideazione di un programma regionale di chirurgia robotica che consenta a tutti coloro i quali lo vogliono, di operare il proprio paziente con la supervisione presso lIstituto dei Tumori di Napoli.

 

Il nuovo sistema robotico DaVinci illustrato dal Direttore S.C. di Urologia, Dr. Sisto Perdonà – è pienamente coerente con la logica di rete assistenziale, formativa ed oncologica regionale, con ricadute positive, anche nel recupero della mobilità passiva specifica che tale tecnologia determina. Limplementazione di un programma di chirurgia robotica può rappresentare, sicuramente, un fattore chiave per attrarre pazienti nel proprio ospedale e quindi ridurre le migrazioni extraregione a cui vanno incontro i pazienti per trovare risposta ai propri bisogni di salute; conseguentemente la ricaduta economica si attua in una sicura riduzione dei costi passivi per il Servizio Sanitario Regionale.

 

Presupposto fondamentale affinché venga attuata la rete oncologica è lacquisizione di tecnologie altamente innovative da mettere a disposizione delle altre strutture regionali in un programma operativo di economie di scala, che consenta lutilizzo di una apparecchiatura per più soggetti, in primis tra IRCCS e Aziende Ospedaliere Regionali.

 

I risultati che si attendono dalladozione della chirurgia robotica possono essere così riassunti:

 

La chirurgia robotica daVinci fornisce i benefici potenziali di una procedura minimamente invasiva per condizioni complesse oltre a risultati eccellenti e tempi di recupero rapidi per diverse specialità. Numerosi pazienti sottoposti a prostatectomia robotica non mostrano differenze significative nel recupero della continenza urinaria e della funzione sessuale rispetto ai pazienti sottoposti a chirurgia laparoscopica e/o aperta tradizionale.

 

La chirurgia robotica consente di ridurre al minimo i rischi e le complicanze, potenziando al massimo la sicurezza del paziente e la qualità della cura anche nei pazienti a rischio più elevato. Consentendo a chirurghi di operare con maggior precisione e mediante un numero limitato di piccole incisioni, lutilizzo della chirurgia urologica robotica limita drasticamente la perdita di sangue. Oltre a ciò, è in grado di accorciare la durata dellintervento, mitigando i rischi di complicanze e gli altri rischi associati a ricoveri ospedalieri più lunghi riducendo al minimo il rischio da parte dellospedale, con percentuali inferiori di complicanze postoperatorie e intra operatorie per una massima sicurezza per il paziente.

 

Limplementazione di un programma di chirurgia robotica di successo, secondo quanto illustrato lunedì e martedì dal Dott. Perdonà, può rappresentare un fattore chiave per attrarre pazienti nel proprio ospedale e quindi conseguentemente anche un vantaggio attrattivo per la Regione Campania, riducendo la mobilità passiva, ovvero le migrazioni dei pazienti extraregione per trovare risposta ai propri bisogni di salute e  riducendo così i costi passivi del sistema sanitario regionale, attualmente impegnato nel piano di rientro della spesa sanitaria.

Da unanalisi obiettiva del contesto riguardo la mobilità passiva per la sola chirurgia urologica verso la regione Lombardia  si evince che questo si verifica per il 68% per attrattività rappresentata dalla chirurgica robotica; di questi il 64% effettivamente riceve un trattamento con il DaVinci, il 27% riceve un intervento con chirurgia laparoscopica standard ed il 9% un intervento in chirurgia standard open. Il nostro obiettivo minimo da perseguire è di ridurre di almeno il 44% la mobilità passiva urologica ed attrarre tutti i pazienti (27 e 9%) trattati con tecniche non robotiche verso strutture regionali. Da qui nasce l’esigenza di dover essere competitivi sul territorio nazionale, implementando lofferta con tecnologie innovative, al fine di cambiare lapproccio dei cittadini al sistema sanitario e quindi nel tentativo di correggere e limitare la mobilità passiva. 

 

I programmi di chirurgia robotica hanno dimostrato di poter ridurre il tempo di turnover della sala operatoria tra un intervento e laltro nonché la durata della permanenza in ospedale dei pazienti che risulta palesemente dimezzata rispetto a quella dei pazienti sottoposti a chirurgia open consentendo la possibilità di accogliere un numero significativamente più elevato di casi quotidianamente.

 

I lavori saranno così organizzati:

lunedì 17 febbraio

ore 8:00 registrazione e welcome coffee

ore 8:30 Introduzione e presentazione Sisto Perdonà Saluti Direttore Generale, direttore                     scientifico e direttore sanitario aziendale e Presidente CIV, INT Napoli, Saluti del Segretario             Generale SIU Vincenzo Mirone

ore 8:45 Lettura Magistrale Vincenzo Mirone Urologia in Italia: quale futuro?

ore 9.15 Tavola Rotonda: Presentazione del programma regionale di chirurgia robotica. Limpegno     di una scelta: risorse e vantaggi sociali in tempi di spending review. Partecipanti: Dott.                 Tonino Pedicini Direttore Generale INT Napoli, on. Raffaele Calbrò, On. Michele Schiano,      On. Ermanno Russo, Dott. Massimo Casciello Dir. IRCCS Ministero Salute, Dott. Enrico Desideri Direttore Generale ASL Arezzo

Ore 10.00: Live surgery sessione Rene

            Coordinatore della SO. Marco De Sio, Moderatori: Vincenzo Mirone, Alberto Masala,         Provokers: Ciro Imbimbo, Paolo Fedelini, Roberto Sanseverino, Vincenzo Altieri, Nicolò           Buffi, Filippo Annino, Giuseppe Barba

            Enucleoresezione robotica di neoformazione renale: operatore Giorgio Guazzoni

            Intermezzo Presenter: Sisto Perdonà. Chirurgia robotica del rene: stato dellarte. Speaker             Riccardo Autorino. Chirurgia robotica: il punto di vista dellanestesista. Speaker Arturo   Cuomo

            Enucleoresezione robotica di neoformazione renale: Operatore Robert Stein

Ore 13.00: Lunch

Ore 14.00: Tavola Rotonda: prostatectomia radicale robot assistita. Moderatori: Ottavio De        Cobelli, Giuseppe Ludovico.

            Principi di tecnica Chirurgica Giorgio Guazzoni

            Il ruolo della linfoadenecotmia Marco De Sio. Outcomes Vincenzo Ficarra

Ore 14,40: Live surgery  – sessione Prostata. Coordinatore della SO: Rocco Damiano. Moderatori:          Sisto Perdonà, Michele De Angelis. Provokers: Domenico Prezioso, Paolo Verze, Luigi Gallo,     Giovani Di Lauro, Fabrizio Iacono, Giuseppe Benincasa, Vittorio Imperatore, Domenico           Rubino. Prostatecomia radicale robot assistita. Operatore: O. De Cobelli

Ore 16,00 17,00 Update in tema di trattamento non chirurgico del ca prostatico. Radioterapia:             Cyberknife Paolo Muto. Ormonoterapia: Che novità? Giuseppe Di Lorenzo. Oltre la             ormonoterapia: quali opzioni? Sandro Pignata

ore 17:45 Chiusura lavori prima giornata

Martedì 18 febbraio

ore 8:00. Welcome cofee

ore 8.30: Lettura Cistectomia radicale robotica: stato dellarte. Presenter: Marco De Sio, Speaker:             Vincenzo Ficarra. Live surgery sessione Vescica. Coordinatore della SO: Luigi Claudio.   Moderatori: Giorgio Guazzoni, G. Ludovico. Provokers: Sergio Caggiano, Gianfranco Testa,        Virgilio Cicalese, Luigi Salzano, Nicola Longo, Umberto Greco, Luigi Menna, Antonio Manzi.             Cistectomia radicale robotica con derivazione intracorporea. Operatore Michele Gallucci

Ore 13.00: Conclusioni e chiusura lavori. Compilazione questionari ECM

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.