Quotidiano di informazione campano

Napoli: Parenti osteggiano il fermo del cugino del boss omonimo

Fermato dalla Ps dopo una fuga brevissima, all'interno della roccaforte del clan.

0

NAPOLI, 9 APR – La Polizia di Stato ha bloccato, dopo una breve fuga e malgrado l’intervento di alcuni parenti che hanno tentato di ostacolare l’arresto, Angelo Cuccaro, elemento di spicco dell’omonimo clan camorristico napoletano, cugino omonimo del boss soprannominato “Angiulill”.
Angelo Cuccaro – accusato di detenzione di cocaina a fini di spaccio (ne aveva addosso 10 grammi) – nel 2014, fu l’obiettivo di un agguato scattato nell’ambito di una faida con gli scissionisti degli Amodio-Abrunzo.
Angelo Cuccaro è stato preso dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile nella roccaforte dei Cuccaro, il complesso di edilizia popolare compreso tra Corso Sirena e via Prima Traversa Mastellone, dove ci sono diverse piazze di spaccio, gestite dal clan.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.