Quotidiano di informazione campano

Napoli – Teatro Augusteo – Serena Autieri in”# la sciantosa la prima influencer”

Napoli – Un One Woman Show, anche se in scena c’è un secondo personaggio che non articola parola ma che, di fatto, dirige alcune situazioni in scena.   Uno Show scritto da Vincenzo Incenzo per la regia di Gino Landi, impetuoso grazie alla partecipazione e il consenso appassionato del pubblico. Serena Autieri aveva già interpretato, in altri spettacoli,  il personaggio della sciantosa; considerato il consenso di critica nelle ultime stagioni, Serena Autieri è al Teatro Augusteo con “La Sciantosa”, in una nuova edizione, più che mai appassionante. Serena Autieri apre le porte del Cafè Chantant con canzoni che appartengono alla cultura partenopea, alla storia di Napoli, eseguite dal vivo dalla Serendipity Orchestra, diretta dal Maestro Enzo Campagnoli. In scena è il racconto della storia di Elvira Donnarumma. Quest’ultima fu una delle più ricercate interpreti della canzone napoletana; Nacque a Napoli nel 1883 e ivi mori nel 1933; ottenne attestati di stima da molti personaggi pubblici.  Nell’interpretare questo personaggio si mette in risalto ovviamente il simbolo di talento ed emancipazione; Serena Autieri si destreggia tra racconti di episodi e provocazioni fino a coinvolgere il pubblico con il potere espressivo della cosiddetta “mossa”; in tal circostanza il pubblico si è alzato, letteralmente, in piedi per provare il numero. Un pubblico che, in simile circostanza, diviene ulteriore elemento recitativo. Serena Autieri oltrepassa la quarta parete e, cliccando metaforicamente sull’hashtag, ricrea il rapporto, interagendo con il pubblico rendendolo parte integrante dello show.  Serena Autieri è divenuta un’interprete di riferimento della musica napoletana. L’artista è nota al grande pubblico, avendo interpretato ruoli in film e fiction, presentato il Festival di Sanremo al fianco di Pippo Baudo e per essere stata scelta dalla Disney come la voce della principessa Elsa di Frozen. Tornando allo spettacolo, Serena Autieri ha affermato: “Elvira Donnarumma fu emblema di femminilità e di una sensualità sana che va valorizzata. La Sciantosa, nella sua accezione più positiva, è un modello di donna che ammiro e che reputo molto attuale per la sua capacità di influenzare mode e costumi. Questo ruolo mi ha dato la possibilità di mettermi in gioco e di crescere artisticamente. Oggi sono una sciantosa più consapevole, felice di godere dello spettacolo con il pubblico, che interagisce, balla, canta, nel clima autentico del Cafè Chantant”. Sul palcoscenico la figura della sciantosa che era quella professionale del Cafè Chantant confluita, in seguito, in altri generi come il Varietà, l’Avanspettacolo; un’epoca che è storia della canzone napoletana, tra la fine dell’ottocento e inizio novecento. Un passato storico da conoscere eventualmente meglio quello che va sotto il nome di “Bella Èpoque”.

Antonio Romano per la Gazzetta Campana

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.