Almanacco del 17 ottobre 2022

E’ il 290° giorno dell’anno, 42ª settimana. Alla fine del 2022 mancano 75 giorni.

A Roma il sole sorge alle 06:25 e tramonta alle 17:25 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 06:43 e tramonta alle 17:33 (ora solare)
Luna: 13.51 (tram.) 22.41 (lev.)
Luna: ultimo quarto alle ore 18.16

Santi del giorno: Sant’Ignazio di Antiochia (Vescovo e Martire)

San Fiorenzo di Orange (Vescovo)
Santi Catervio, Severina e Basso (Martiri)

Etimologia: Ignazio, la radice etimologica sembra essere ignis, “fuoco”. Varianti del nome: Inigo, Ignacio, Ignatius, Nacho. Ama la ricchezza e spinto dalla sua profonda volontà riesce a scalare il successo. Molto socievole e teme moltissimo la solitudine. In amore è molto passionale ma tende a cambiare spesso partner perché non vuole né sposarsi né avere figli. L’onomastico ricorre il 1° febbraio, il 31 luglio e il 24 ottobre..

Proverbio del giorno:

Chi ben dorme non sente le pulci.

Aforisma del giorno:
E’ assurdo dividere le persone in buone e cattive. Le persone si dividono in simpatiche e noiose. (O. Wilde)

Oggi è:

La Giornata mondiale del rifiuto della miseria: Il 17 ottobre ricorre la giornata mondiale del rifiuto della miseria. Questa ricorrenza è stata indetta, per la prima volta, nel 1987, a Parigi, quando centomila persone che volevano difendere i diritti umani di ogni paese, condizione e origine, diretti dal padre Joseph Wresinski, si riunirono sul Sagrato dei Diritti dell’Uomo, al Trocadéro.

Accadde Oggi:

1931 – Al Capone condannato per evasione fiscale (91 anni fa): «Approfittatene ora, perché non mi rivedrete per un pezzo». Così Al Capone si rivolse ai cronisti che lo attendevano fuori dal tribunale, dopo che fu emessa nei suoi confronti la sentenza di condanna a 11 anni di carcere per evasione fiscale e al pagamento di un’ammenda di 80mila dollari.

Sei nato oggi?

I nati il 17 ottobre di solito fanno il possibile per atterrare sempre in piedi. Indipendentemente dalle difficoltà e dai pericoli che incontrano sulla loro strada, essi cercano soprattutto di mantenere l’equilibrio, il che potrebbe essere semplice, se non fosse per il fatto che amano tentare la sorte. L’instabilità può rappresentare il loro peggior nemico, ma molto spesso è una condizione alla quale approdano da soli. Per i nati il 17 ottobre è difficile riuscire a modificare il proprio comportamento, poiché sono spesso vittime dell’orgoglio, come se si ponessero al di sopra delle leggi dell’ordinaria umana esperienza. I nati il diciassettesimo giorno del mese sono governati dal numero 8 (1+7=8) e dal pianeta Saturno. Questo pianeta porta in sé un forte senso di limitazione e restrizione, oltre a sottolineare la tendenza a giudicare.

Celebrità nate in questo giorno:

1972 – Eminem (50 anni fa): Nato a St. Joseph, nel Missouri, è una star della musica rap mondiale, che in vent’anni di carriera ha venduto oltre 170 milioni di dischi nel mondo. Ha partecipato come attore nel film 8 mile, incidendo anche un brano della colonna sonora, Lose Yourself, premiato nel 2003 con l’Oscar per la “miglior canzone originale”.

1920 – Salvo D’Acquisto (102 anni fa): Uomo simbolo della secolare storia dell’Arma dei Carabinieri ed eroe nazionale, Salvo D’Acquisto nacque a Napoli da un’umile famiglia del quartiere Vomero.

1976 – Fabri Fibra (45 anni fa): Beniamino di migliaia di teenager e amanti del rap, Fabrizio Tarducci, in arte Fabri Fibra, è considerato un po’ l’Eminem italiano, sia per i successi raccolti, sia per i contenuti forti e provocatori dei suoi testi.

1915 – Arthur Miller (107 anni fa): Stimato come il maggior drammaturgo americano, attraverso le sue opere portò avanti un’idea di teatro impegnato e perfettamente calato nel contesto storico, offrendo una lettura critica del “sogno americano”.

Scomparsi oggi:

1849 – Fryderyk Chopin (173 anni fa): Maestro del romanticismo musicale, dalle sue immortali melodie trasudano poesia ed eleganza, al punto da meritargli l’appellativo di “poeta del pianoforte”. Nato a Żelazowa Wola.

Oroscopo del giorno:


Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio