Quotidiano di informazione campano

Nola – Chiesa dei SS. Apostoli – Centro di documentazione visiva sulla tradizionale Festa dei Gigli – XXI Edizione.

Speciale radio piazza eventi ANTONIO ROMANO

Nola – Si è tenuto un atteso tradizionale appuntamento nell’ambito della Festa dei Gigli. Si tratta del Centro di documentazione visiva sulla tradizionale Festa dei Gigli, manifestazione giunta ormai alla XXI Edizione. Consenso notevole di pubblico per l’evento. L’iniziativa si deve all’Associazione Culturale e di volontariato “ La Contea Nolana”. All’incontro, avvenuto nella Chiesa dei SS. Apostoli, ormai luogo privilegiato per convegni e presentazioni, erano presenti Antonio Napolitano dell’Associazione Culturale e volontariato “ La Contea Nolana”, Francesca Napolitano che ha parlato, nel corso del suo intervento, di alcuni suoi articoli sulla festa dei Gigli; per la precisione  “ Francesco De Melis: un patrimonio sulle spalle” e  “ La festa vista dall’alto” Dossier di analisi introspettiva antropologica sulla festa dei Gigli, Katia Ballacchino, dottore di Ricerca in Etnologia e Etnoantropologia presso l’Università di Roma Sapienza; assegnista di ricerca presso Università degli studi della Basilicata (UNIBAS) Matera,  autrice di un libro dal titolo “ Etnografia di una passione – I Gigli di Nola tra Patrimonializzazione e mutamento ai tempi dell’ UNESCO” Armando editori,  Giacomo Franzese, Presidente del Museo Archeologico di Nola, Antonia Solpietro, direttore uffici Beni  Culturali e infine Lorenzo Vecchione della Fondazione Festa dei Gigli. Consegnate alcune targhe ricordo di premiazione.  Per l’occasione è stato presentato al pubblico un opuscolo informativo con foto memorabili, articoli e testimonianze storiche della tradizionale kermesse nolana. Per l’occasione è stato presentato al pubblico un tipico dolce dedicato alla festa dei Gigli, denominato il cappello di San Paolino: nell’epilogo della manifestazione i presenti, sono stati invitati per un assaggio in un clima di cordialità e di festa. Al tavolo dei relatori i giornalisti Antonio D’Ascoli e Autilia Napolitano che hanno fatto da moderatori. Sul medesimo tavolo è stata posta, al centro, una scultura, opera in carta pesta, dell’artista  Felice Canfora; una scultura raffigurante il santo della festa nolana.

A.R

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.