Quotidiano di informazione campano

NOLA, COMUNE STAMANE SOTTO ASSEDIO PER SCOVARE 63 DIPENDENTI ASSENTEISTI

0

. L’operazione a stata condotta dai Carabinieri di Nola, coordinati dalla locale Procura che hanno messo sotto assedio il Palazzo di citta’ e blindando le vie d’accesso per scovare oltre 60 DIPENDENTI che TIMBRAVANO il cartellino anche per altri colleghi impegnati al bar a prendere i caffe’, a fare la spesa e altre faccende ma in ufficio non si facevano trovare.. E un classico metodo quello di timbrare per sé è per altri. I militari della Compagnia nolana hanno messo delle telecamere a circuito chiuso che riprendevano i furbetti del cartellino che obbliteravano per altri 5 colleghi impegnati altrove. La legge approvata recentemente dal parlamento, la cosiddetta LEGGE MADIA porta al licenziamento immediato del dipendente sorpreso in flagranza. Ieri a Giugliano altri dipendenti erano stati sorpresi con le strade modalita’. Un malcostume che non si arresta nonostante le maniere forti della STATO. Alcuni dipendenti andavano a portare a passeggio il proprio cane anziche’ stare in ufficio. Oltre un centinaio i fascicoli sequestrati dai militari e al vaglio del magistrato. Quello di allontanarsi dal posto di lavoro per fare la spesa o prendere il caffe’ al bar era un fatto rituale, dicono alcuni cittadini che stazionano in piazza Duomo. Dice il sindaco di Nola, CATANIA BIANCARDI che l 63 dipendenti saranno perseguiti secondo la legge che prevede il licenziamento immediato. Non e la prima volta che il Comune di Nola e interessato ai blitz ANTIASSENTEISMO ma i furbetti scovati da la sono cavato sempre con una sanzione amministrativa in quanto la legge dava piu’ discrezionalita’ al magistrato e l DIRIGENTI quasi sempre “chiudevano un’occhio”. Con la nuova legge anche il dirigente paghera’ se questo copre il dipendente. Nicola Valeri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.