Quotidiano di informazione campano

NOLA, CONSIGLIO BLINDATO CON LE OPPOSIZIONI SULLE BARRICATE

POLITICA LOCALE-NICOLA VALERI PER RADIO PIAZZA NEWS

0

Seduta consiliare convocata del presidente Rino Barone con polizia e carabinieri ai varchi del Palazzo di città dopo gli episodi che hanno coinvolto dipendenti e consiglieri comunali aggrediti nel palazzo. Episodi stigmatizzati e condannati dal sindaco. Il primo, il 14 aprile scorso con diverbio e scazzottata tra l’assessore Mario Simonetti e il consigliere Udc Raffaele Parisi. DSCN2781Qualche giorno dopo un cittadino, poi arrestato, aggredisce due dipendenti dell’ufficio politiche sociali. Il consiglio inizia con comunicazioni e interrogazioni. La polemica diventa cruente sulla vicenda dell’arresto dell’assessore Gianpaolo De Angelis per sospetti legami con il clan Fabrocino di San Giuseppe. De Angelis è stato poi scarcerato dal Riesame per cessate esigente cautelari. Il sindaco viene attaccato in quanto nella stessa mattinata dell’arresto e dopo la perquisizione della Dia negli uffici comunali, toglie le deleghe a De Angelis è nomina Antonio Manzi nuovo assessore. Biancardi motiva la scelta per cautelare la giunta e che De Angelis sarebbe stato sospeso dal prefetto. Ma sulla vicenda intervengono polemicamente i consiglieri di opposizione Maria Franca Tripaldi, Arturo Cutolo e Vincenzo Iovino. Quest’ultimo chiede le dimissioni del sindaco e liberare la città dall’ingovernabilità. Il pubblico numeroso, sia nei corridoi che in aula, grida alla vergogna. La vicenda del taglio degli alberi in villa comunale inasprisce la tensione. Il sindaco dice, senza mezzi termini, “o tagliamo gli alberi o la villa resta chiusa”. Gli alberi, secondo il primo cittadino, sono pericolosi e “vanno abbattuti”. Intanto le opposizioni e associazioni ambientaliste si mobilitano raccogliendo firme contro l’abvattimento degli alberi. Altro tema i debiti di Campania Felix, circa 2 milioni di euro, che il comune deve riconoscere. Una vicenda che potrebbe far precipitare il comune di Nola in pieno dissesto. Sotto accusa è l’assessore alle finanze Antonio Russo irremovibile su una poltrona che scotta da anni. Il consigliere Francesco Pizzulla del gruppo misto chiede un consiglio monotematico sulla vicenda. Campania Felix è dichiarata fallita dal Tribunale di Nola con debiti sui 10 milioni avanzati da creditori e lavoratori. I comuni di Nola, Saviano, Tufino e Visciano in qualità di soci sono chiamati a ripianare questi debiti.POLITICA LOCALE PER RADIO PIAZZA NEWS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.