Quotidiano di informazione campano

A NOLA CONVEGNO SU OTTAVIANO AUGUSTO

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Martedi 25 Novembre 2014 presso la Sala dei Medaglioni dell’Episcopio di Nola, il Prof. Arch, Vincenzo Meo Presidente del Centro Studi “A. De Gasperi” Onlus di Nola, ha presentato il volume della collana “Rassegna Stampa” sulle notizie riguardanti Ottaviano Augusto dal 2002 al 2014 di Luigi Fusco. Sono intervenuti all’incontro culturale, oltre al suddetto Presidente, Il Preside Prof. Vincenzo Ammirati, il Prof. Gerardo Santella e il M.llo Luigi Fusco curatore del testo. Ha coordinato, abilmente, la presentazione, il Prof. Giovanni De Angelis, che ha introdotto il testo con la prefazione su Ottaviano Augusto: “Simbolo” dell’Italia imperiale nella città millenaria. Ha fatto seguito, poi, l’intervento del Presidente promotore con gli elogi e le congratulazioni allo scrittore Luigi Fusco, sottolineando la sua grande valenza negli studi e nelle ricerche sulla città di Nola. Con l’opera di Augusto, ha continuato il Presidente, il settore artistico, urbanistico e dei beni culturali, hanno ricevuto dei grandi benefici e miglioramenti. Certamente il cambiamento dal vecchio al nuovo ordinamento politico ha contrassegnato un rinnovamento nella sfera economica, militare, giuridica e culturale del paese. Il Preside Prof. Vincenzo Ammirati ha iniziato la sua relazione con la definizione di Augusto il “Principe” dell’umanità. L’età di Augusto ha rappresentato una svolta nella storia di Roma con il definitivo passaggio dal periodo Repubblicano al Principato. Il Preside, come da consensi storici, ha affermato che l’imperatore può essere paragonato ad un pensatore, ad un filosofo o ad un servitore del popolo con le sue virtù nelle arti e nelle lettere. Dopo le dovute riflessioni bibliografiche, l’illustre relatore, si è soffermato sull’individuazione del luogo della morte di Augusto, che come sostengono anche alcuni storici, sarebbe avvenuta ad Apud Nolanus (cioè a Nola). Il Prof. Gerardo Santella ha evidenziato, con amarezza, la poca diffusione pubblicitaria della stampa sulla memoria dell’imperatore, nonostante i 206 articoli tratti dalla stampa nazionale, estera e locale, quotidiani e riviste.. Ha concluso il Convegno il M.llo Luigi Fusco con gli applausi del numeroso pubblico appassionato di cultura e con l’affermazione che i documenti storici hanno la funzione di far rivivere i ricordi delle opere del passato.

Pasquale Iannucci

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.