Quotidiano di informazione campano

NOLA FESTEGGIA SAN FRANCESCO IL PATRONO D’ITALIA VI ASPETTA NELLA CHIESA DI CAPPUCCINO

AUGURI AI FESTEGGIATI CHE SI CHIAMANO FRANCESCO San Francesco D'Assisi/ Santo del giorno, il 4 ottobre si celebra il Patrono d'Italia

Il 4 ottobre si celebra San Francesco D’Assisi, Santo del giorno: questi è considerato il Patrono d’Italia una figura importantissima per la storia della Chiesca Cattolica.

San Francesco D’Assisi, Santo del giorno

Nella giornata del 4 ottobre coloro che professano la religione cristiana e la Chiesa Cattolica ricordano una delle figure che hanno fatto la storia del Cristianesimo, ovvero San Francesco d’Assisi, il Patrono d’Italia. Il vero nome di questa importantissima figura era Giovanni di Bernardone. Le fonti storiche arrivate fino a noi collocano la sua nascita nel 1181 o nel 1182 ad Assisi. Se sull’anno di nascita vi è qualche incertezza, sicurezza vi è invece relativamente alla condizione di famiglia agiata in cui San Francesco d’Assisi nasce. La modifica del suo nome dipende dalla volontà del padre, che in tal modo volle rendere grazie alla Francia, grazie a cui aveva visto le sue ricchezze aumentare a dismisura. Per quanto concerne la sua infanzia e la sua adolescenza non sono in realtà molte le notizie giunte fino a giorni nostri, anche se è plausibile pensare che fino all’adolescenza il percorso per lui scelto dal padre era quello di continuare l’attività di famiglia nell’industria tessile. Il suo avvicinamento alla religione cristiana avviene nel corso dello scontro tra Guelfi e Ghibellini: in questo periodo viene anche incarcerato. Questa esperienza lo segna profondamente e secondo alcuni è ciò che lo spinge ad affidare anima e corpo a Gesù.

Nel corso del periodo trascorso in carcere si ammala gravemente e dopo un anno di detenzione potè tornare a casa, dove passo dopo passo riuscì a tornare in buone condizioni di salute. Fu in questo periodo che il suo interesse per la natura e gli animali cominciò a manifestarsi in modo sempre più marcato. Un altro momento molto importante della sua vita fu quello in cui fece di tutto per poter prendere parte alla Crociata di Gerusalemme. Tuttavia, proprio quando tale obiettivo sembrava a portata di mano, cadde ancora una volta gravemente malato e fu costretto a rinunciare ad un proposito che lo aveva animato in modo molto forte. Tornato a casa, iniziò a dedicare la maggior parte del suo tempo alla preghiera e ad un certo momento prese una decisione radicale, destinata a cambiare per sempre la sua vita. San Francesco d’Assissi decise infatti di donare tutti i suoi bene materiali a chi era in condizioni di indigenza e finì a chiedere la carità in una strada di Roma: questo fu per lui il modo in cui aveva dimostrato la sua volontà di dedicare la vita agli ultimi e farsi guidare dall’idea dell’umiltà. San Francesco iniziò quindi una opera di proselitismo, accompagnata dalla vendita di tutti i suoi beni. Il padre arrivò a ripudiarlo, ma questo non fermo il santo ed anzi, lo rese ancora più forte nei propri ideali ed intendimenti. Dopo diversi anni trascorsi a diffondere la parola di Dio in giro per l’Italia, la morte lo colse nel 1226, sempre ad Assisi, luogo dove era iniziata la sua esperienza terrena.

SAN FRANCESCO, IL PATRONO D’ITALIA

Come detto inizialmente, San Francesco d’Assisi è Patrono d’Italia e questo comporta che la sua figura venga ricordata in molte città italiane nel corso della giornata del 4 ottobre. Tuttavia la città che lo ricorda senza dubbio con maggior enfasi, non può che essere Assisi. Qui, dal 2 al 9 ottobre di ogni anno, vi sono diverse iniziative e celebrazioni con cui si mantiene viva la memoria di questa importante figura. E ad Assisi, realtà umbra molto affascinante, si possono ammirare luoghi come la Basilica di San Francesco, la quale contribuisce a rendere questa cittadina decisamente affascinante. Se San Francesco d’Assisi è sicuramente il santo più importante ricordato il 4 ottobre, vi sono altri importanti santi e beati che vengono celebrati nello stesso giorno. Tra coloro che sono stati canonizzati si può ad esempio ricordare San Petronio di Bologna, mentre tra i beati Tommaso da Celano LA GAZZETTA CAMPANA VI AUGURA BUONA FESTA

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.