NAPOLI, 16 OTT – Il Napoli si riprende la testa della classifica che aveva ceduto per 24 ore all’Atalanta.

Gli azzurri soffrono contro il Bologna ma alla fine riescono a portare a casa un successo importante e complessivamente anche meritato centrando la decima vittoria consecutiva tra campionato e Champions.

Stile da top model: Bella Hadid crea la sua prima collezione per ABOUT YOUABOUT YOU

Spalletti manda inizialmente in panchina Osimhen e non rinuncia a Raspadori che si piazza al centro dell’attacco. Ndombelè prende il posto dell’infortunato Anguissa ma il suo raggio d’azione, almeno inizialmente, è decisamente spostato in avanti, immediatamente a ridosso delle punte. D’altro canto l’interpretazione della gara da parte del Bologna è quasi esclusivamente difensiva e questo giustifica una più spiccata vocazione offensiva del centrocampo.
Il Napoli nella prima fase di gioco sembra appannato rispetto alla recenti prestazioni e il Bologna si difende con ordine senza soffrire troppo le iniziative degli azzurri. La squadra di Spalletti riesce a costruire una sola azione da gol clamorosa.
Al 27′ Kvaratskhelia dopo uno spunto in velocità tocca il pallone per l’esterno di destra che solo davanti alla porta manda il pallone sopra la traversa. Il Bologna bada essenzialmente a contenere gli attacchi del Napoli ma nel finale della prima frazione di gioco sposta sensibilmente il proprio raggio d’azione nella metà campo avversaria e costruisce con pazienza l’azione che porta al gol del vantaggio. E’ Cambiaso da sinistra che al 41′ trova smarcato a centro area Zirkzee il quale non ha difficoltà ad insaccare con un tiro rasoterra.
Gli azzurri reagiscono con grinta e trovano il pareggio al 45′ in maniera un po’ casuale. E’ Juan Jesus che dopo un rimpallo in area di rigore su azione da calcio d’angolo trova lo spazio per far partire un rasoterra in diagonale da distanza ravvicinata che finisce in rete. Nella ripresa Spalletti sostituisce subito Raspadori con Osimhen e Politano con Lozano. Il Napoli passa in vantaggio dopo soli 3′ proprio con il messicano. Sembrerebbe una svolta favorevole alla capolista ma il Bologna reagisce a al 6′ trova il pareggio. La reazione degli azzurri è furibonda e porta al 24′ al gol del vantaggio.