Quotidiano di informazione campano

Nola – Museo Storico Archeologico di Nola – Convegno – “Augusto: l’uomo e il potere”. È intervenuto Mario Cesarano della Soprintendenza Beni Archeologici di Ferrara.

ANTONIO ROMANO PER RADIO PIAZZA EVENTI IN CAMPANIA

0

Nola – Nella sala del museo archeologico era presente un numeroso pubblico. Si tratta di un primo appuntamento  nell’ambito del bimillenario della morte del primo imperatore romano avvenuta a Nola  nel 14 d. c. Al convegno sono intervenuti: Michele Napolitano, Presidente dell’Associazione Meridies, Giuseppe Vecchio della Soprintendenza dei Beni Archeologici e infine  Mario Cesarano – Soprintendenza dei Beni Archeologici Emilia Romagna. Molto interessante la sua relazione. Ha spiegato, anche con l’aiuto di diapositive tutta la storia di Ottaviano Augusto. Una lezione di storia che, al termine della quale, non ha mancato di suscitare molti interventi e curiosità da parte del pubblico. A suo parere, secondo gli studi e scoperte del settore, il concento di Imperatore non era a quell’epoca propriamente applicato. A quell’epoca era agli albori l’avvento del Cristianesimo: come il Cristo, con la sua morte in croce, segna l’inizio del Cristianesimo, così Ottaviano Augusto, con la sua morte segna la nascita dell’impero romano. La sua relazione, compresi i numerosi interventi da parte del pubblico, ha toccato svariate tematiche: ad esempio la questione di Nola quale colonia Romana intesa non come senso di sudditanza ma quali cittadini romani che venivano trasferiti lì, oppure la contesa con Villa augustea di Somma Vesuviana dove alcuni suppongono che sia avvenuta lì la morte del primo imperatore e altro ancora. Molti i personaggi citati: Svetonio noto scrittore dell’epoca,  Giulio Cesare, Cleopatra, Marco Antonio,  Vipsiano Agrippa amico di Augusto, Lepido, l’imperatore Tiberio  ed altri. Un passaggio epocale spiegato fino alla fine della vita,  della morte di Augusto: negli ultimi momenti si chiese se avesse ben recitato la commedia della sua vita ed è stata ricordata la formula conclusiva: “ Se la commedia è stata di vostro gradimento, applaudite e tutti insieme manifestate la vostra gioia”.

A.R.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.