Quotidiano di informazione campano

NOLA.oggi sabato 13 settembre parliamo di microcitemia,con l’esperto Ezio Silvestroni

Ogni Sabato rubrica salute e consigli sulla Microcitemia curata da Tony

0

Oggi parliamo del grande Ezio Silvedtroni

Ezio Silvestroni si è laureato in Medicina e Chirurgia nell’Università di Padova nel 1934 con il massimo dei voti e la lode.

Dal 1936 al 1939 ha lavorato presso l’Istituto del Cancro di Milano, diretto dal Prof. P. Rondoni.

Dal 1939 al 1956 è stato Assistente di ruolo nella Clinica Medica dell’Università di Roma, diretta dal Prof. C. Frugoni, ove ha svolto tutta la sua attività scientifica con la collaborazione di Ida Bianco.

Ha conseguito 4 docenze in Patologia Generale, Patologia Medica, Clinica Medica ed Ematologia.

Fra il 1947 e il 1953 ha avuto la maturità in 4 concorsi universitari per Cattedra di Patologia Medica, ma non ha mai avuto una Cattedra, pur presentando ai concorsi una produzione scientifica già conosciuta ed apprezzata anche a livello internazionale. Dal 1957 al 1975 è stato Primario Ematologo presso l’Ospedale Sant’Eugenio di Roma.

Nel 1943 Silvestroni e Bianco hanno descritto all’Accademia Medica di Roma l’esistenza di soggetti sani portatori di un quadro ematologico caratteristico ed ereditario che essi hanno denominato microcitemia (oggi talassemia minima); e subito dopo, attraverso lo studio di un vastissimo gruppo di famiglie microcitemiche raccolte con molta fatica, date le difficoltà di quegli anni di guerra, in varie regioni italiane, hanno messo in luce il legame eziologico che unisce la microcitemia alla malattia di Rietti-Greppi-Micheli (oggi talassemia intermedia) e hanno dimostrato del tutto indipendentemente da ricerche analoghe di Autori americani, allora sconosciute in Italia a causa della guerra, che il morbo di Cooley (oggi talassemia major o anemia mediterranea) è espressione della condizione omozigotica per la microcitemia.

Fra il 1945 e il 1960 Silvestroni e Bianco, divenuti nel 1954 marito e moglie, hanno messo in evidenza, attraverso un’altra vastissima serie di ricerche popolazionistiche condotte in tutte le regioni italiane (oltre 100.000 soggetti esaminati), quella distribuzione geografica oggi ben nota delle microcitemie che è rimasta invariata da allora.

Nel 1944 studiando una malata ricoverata in Clinica Medica, Silvestroni e Bianco hanno individuato e descritto il primo caso al mondo di una malattia causata dall’associazione nel malato di due anomalie ematologiche ereditarie, la microcitemia e la falcemia (o drepanocitosi o Hb S) che si è rivelata poi non rara nelle regioni meridionali d’Italia. La malattia fu denominata malattia microdrepanocitica nella letteratura dell’epoca andò anche sotto il nome di malattia di Silvestroni e Bianco.

I risultati di tutti gli studi sulle microcitemie condotti dal 1943 in poi furono presentati ufficialmente per la prima volta nel 1949 da Ezio Silvestroni in una relazione al 50° Congresso della Società Italiana di Medicina Interna.

Nei decenni ’50 e ’60 Silvestroni e Bianco svolsero un altro poderoso gruppo di ricerche sulle emoglobine abnormi i cui risultati furono riassunti in una monografia pubblicata nel 1963.

Ezio Silvestroni è stato il primo ematologo ad intuire il valore delle trasfusioni di sangue nella terapia dell’anemia mediterranea e a praticarle ai malati fin dal 1949, prima saltuariamente e poi sistematicamente.

Divenuto Primario Ematologo all’Ospedale Sant’Eugenio di Roma Silvestroni intensificò questa attività al punto che il suo reparto divenne meta di una corrente di circa 300 malati che durante l’anno affluivano periodicamente al reparto da tutte le regioni italiane per ricevere le trasfusioni di sangue. Per la prima volta nella storia della malattia e in anticipo su tutte le altre regioni italiane incominciò a verificarsi quel prolungamento della sopravvivenza dei malati che divenne poi con gli anni sempre più evidente.

La gravità della malattia e le dimensioni sociali del problema indussero negli stessi anni ’50 Silvestroni ad affrontare, con la ferma volontà di risolverlo, il problema dell’organizzazione della lotta contro le malattie microcitemiche in Italia. Egli ottenne anzitutto che le malattie microcitemiche fossero riconosciute per legge malattie sociali. Nel 1961, allo scopo di poter chiedere in base al DPR n. 249 del 1961, il finanziamento governativo previsto per i Centri di Medicina Sociale, fondò l’Associazione Nazionale per la lotta contro le Microcitemia in Italia, e nel 1962 ottenne dal Ministero della Sanità una convenzione novennale con l’Associazione per la creazione ed il finanziamento di strutture sanitarie finalizzate alla lotta alle malattie microcitemiche su tutto il territorio nazionale. Poté così istituire, dopo il Centro di Studi della Microcitemia di Roma, già creato nel 1952 e da lui diretto, altri 16 Centri per lo studio e la prevenzione delle malattie microcitemiche in tutte le aree d’Italia più colpite, e che entrarono in brevissimo tempo in funzione. Alla fine degli anni ’60 però, con l’introduzione in Italia dell’ordinamento regionale, la competenza in materia di malattie sociali veniva trasferita dallo Stato alle Regioni, e per il Lazio rimase affidato alla gestione dell’Associazione solo il Centro di Studi della Microcitemia di Roma.

Nel 1972, dopo una  lunga interruzione di ogni attività, Silvestroni riuscì ad avere per il Centro una convenzione con la Regione Lazio con la quale il Centro della Microcitemia di Roma è divenuto negli anni, sotto la sua guida, un’importante struttura sanitaria specializzata in tutti gli esami diagnostici delle microcitemie.

Sul piano della prevenzione Ezio Silvestroni ha promosso e messo in atto fin dal 1975 con la collaborazione di Ida Bianco ed il finanziamento della Regione Lazio, un vastissimo ed articolato piano di interventi che in 25 anni di continua applicazione ha raggiunto fin dall’inizio degli anni ’90 l’obbiettivo di una totale cessazione in tutto il Lazio delle nascite di nuovi malati di anemia mediterranea.

Ezio Silvestroni è Autore di quasi 300 pubblicazioni scientifiche, di 2 monografie, del capitolo sulle talassemie in 2 edizioni del Trattato di Medicina Interna di P. Introzzi, di libri di testo. Le sue scoperte e i suoi contributi sono riportati in trattati di medicina e di ematologia di Autori italiani e stranieri, e in libri di testo universitari.

Per la sua attività scientifica Ezio Silvestroni ha avuto nel 1955 un Premio della Società Italiana di Medicina Interna, nel 1957 un Premio Marzotto e nel 1976 il Premio Internazionale Manca.

Dalla sua scomparsa nel 1990 la direzione del Centro di Studi della Microcitemia di Roma è stata affidata prima alla Prof.ssa Ida Bianco e dal 2005 al Dott. Antonio Amato. Ecco i veri esperti in questa patalogia

Silvestroni Bianco Memorial

E’ il sito web dedicato alle iniziative promosse in memoria del professor Ezio Silvestroni e della Professoressa Ida Bianco, fondatori dell’ANMI e del Centro di studi delle Microcitemie di Roma.

Blod

E’ il portale dedicato alle talassemia fondato da ANMI nel 2006, realizzato in lingua italiana ed inglese, contiene una sezione scientifica per le professioni sanitarie ed una sezione divulgativa per chiunque cerchi informazioni e chiarimenti sulle patologie emoglobiniche.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.