Quotidiano di informazione campano

Nola – Premio letterario “ Il Candelaio” – Menzione speciale per il maestro Peppe Vessicchio” – presentazione del suo libro : “La musica fa crescere i pomodori”

la cultura di radio antenna campania,due minuti un libro

NOLA – Museo Archeologico – Nella sala convegni, di recente,  ospite il maestro Peppe Vessicchio. Il noto direttore d’orchestra presente su iniziativa  del circolo culturale Passepartout e dell’istituto Masullo Theti. Gli alunni coordinati dalla dirigente scolastica Anna Maria Silvestro, hanno incontrato il maestro nel salone del museo storico archeologico.  L’occasione è stata per la presentazione al pubblico  del libro del maestro Peppe Vessicchio: “La musica fa crescere i pomodori”.  Un titolo particolare! Presenti all’incontro, oltre l’autore, la dirigente Silvestro ed il direttore del museo, Giacomo Franzese. La circostanza s’inserisce nell’ambito delle manifestazioni legate al premio letterario il “Candelaio” del circolo Passepartout. Per  l’occasione, ha consegnato al maestro una menzione speciale; un riconoscimento di un certo prestigio. Il premio consiste in una effige, quasi un disco circolare, in bronzo, del filosofo nolano Giordano Bruno a cui è dedicato l’evento letterario.  Per l’edizione attuale  Premio letterario “ Il Candelaio”; la manifestazione è solo al suo prologo; c’è un’altra data in programma quella del  4 maggio. Si tratta della  cerimonia finale a cui saranno invitati  scrittori impegnati in più settori:  teatro, il sociale, legalità, musica  ed altro  scelti direttamente dai ragazzi delle scuole. Sulla copertina del libro è riportata una frase, tratta dal secolo XIX,  che forse ben sintetizza il tema trattato: “Associare Peppe Vessicchio a Sanremo è un gioco da ragazzi, ma anche abbinarlo ai pomodori non è poi così astruso”. È, di certo, una vera icona della musica popolare italiana, come si legge sul retro della copertina del libro, che dal cabaret ha attraversato le epoche e incontrato vari musicisti come Gino Paoli, Andra Bocelli per approdare al primo Sanremo nel 1986. Nel suo contesto musicale da citare il cantante Zucchero e Elio e le Storie Tese e la trasmissione televisiva “ Amici” di Maria De Filippi. Nel libro un Vessicchio lontano dalla telecamere: in tale opera la musica assume un diverso livello quale  elemento armonico – naturale; una musica  dotata di un potere benefico che influisce sugli organismi viventi. Sulla copertina del libro compare un’altra significativa frase: “ Il suono le piante e Mozart: la mia vita in ascolto dell’armonia naturale”.

I commenti sono chiusi.