Quotidiano di informazione campano

Nola, rivolta contro De Luca: “L’ospedale non può diventare un Covid Center

RASSEGNA STAMPA RADIO ANTENNA CAMPANIANOI CI SIAMO RADIO ANTENNA CAMPANIA

Nola (Na) – E’ pronto a dare battaglia Gaetano Minieri, sindaco di Nola. Dopo aver appreso la notizia che la Regione Campania, diretta dal presidente De Luca, sta progettando di trasformare l’ospedale “Santa Maria della Pietà” in Covid Center, ha deciso di opporsi alla decisione che potrebbe portare a conseguenze gravi, ovverosia non garantire l’assistenza sanitaria ad una vasta utenza che si avvale dell’operato dei medici e di professionisti dell’ospedale.

Nonostante l’emergenza Covid-19 a Nola sia preoccupante, le autorità cittadine sanno che non è possibile una conversione totale di “Santa Maria della Pietà”. Sono 500mila, infatti, i pazienti che si rivolgono alla struttura ospedaliera. Nel caso in cui “Santa Maria della Pietà” dovesse diventare un Covid Center, inevitabilmente questo porterebbe, se non ad uno stop, quantomeno ad un rallentamento dei vari reparti dell’ospedale.

Il consiglio comunale è diviso: la sinistra fedele a De Luca, composta Massimiliano Manfredi (Pd), Giuseppe Sommese (Campania Popolare), Francesco Iovino (Italia Viva), Felice Di Maiolo (Fare Democratico), appoggia la decisione della Regione, ma la maggioranza di centrodestra è intenzionata ad andare fino in fondo per evitare la conversione della struttura ospedaliera.

Proprio per questo, mentre si attende l’evoluzione della vicenda, il sindaco ha deciso di condividere le proprie preoccupazioni tramite il suo profilo Facebook:

“Cari Amici, come ben sapete in questi giorni più di una volta il Pronto Soccorso dell’ospedale di Nola, il ‘Santa Maria della Pietà’ è stato temporaneamente chiuso a causa di casi Covid. Purtroppo, vista la curva epidemiologica in forte aumento su tutto il territorio regionale, è vera la notizia che vorrebbero trasformare il nostro presidio ospedaliero in ‘Covid Hospital’. Questo significherebbe la fine per l’intera area con la paralisi di tutti i reparti che, di fatto, subirebbero uno stop pericolosissimo per l’utenza che, voglio ricordare, è vastissima (circa 500.000 abitanti).

IO NON CI STO. Mi opporrò, come vi assicuro sto già facendo, ad ogni tentativo. Anzi, già nelle prossime ore istituirò un tavolo con tutti i sindaci dell’area e ne approfitto per rivolgere un accorato appello a tutti i consiglieri regionali neo eletti di questo territorio affinché prendano decisioni ad horas di tutela e protezione.

Sono pronto a qualsiasi azione di protesta, se necessario, il ‘Santa Maria della Pietà’ non si tocca.

Gaetano Minieri

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.