Quotidiano di informazione campano

NOLA. VILLA APERTA E SICURA, LE ASSOCIAZIONI SMENTISCONO IL SINDACO E RECLAMANO IL CENSIMENTO DEL PATRIMONIO ARBOREO

Comunicato Stampa. "Questo crollo non è imputabile alla natura, ma piuttosto al continuo pressappochismo e alla mala gestione del verde pubblico della città", asseriscono le associazioni.

0

Le numerose associazioni nazionali e locali che si sono unite in questi mesi nel comitato “Salviamo la Villa” hanno sempre evidenziato che gli alberi della villa comunale di Nola necessitano urgentemente di cure appropriate.

Il piccolo esemplare di albero di Giuda caduto venerdì 5 giugno era, infatti, affetto da un fungo nell’apparato radicale e già l’anno scorso aveva avuto un cedimento che aveva portato al crollo di uno dei tre rami principali. Inoltre, l’agronomo Matteo Palmisani, per conto del comitato di associazioni, aveva già segnalato 8 mesi fa al sindaco Biancardi la necessità di applicare dei sostegni al suddetto arbusto.

Desta particolare stupore constatare che a crollare sia stato proprio uno degli alberi non analizzati dalla perizia sbandierata dall’amministrazione comunale, contrariamente a quanto dichiarato dal sindaco. Questo dimostra che l’amministrazione, benché sia consapevole dell’esistenza di un problema, si rivela ancora oggi incapace nel localizzare quali siano effettivamente gli alberi a rischio.

Il nostro comitato coglie quindi l’occasione per richiedere nuovamente un’urgente messa in sicurezza e l’avvio in tempi brevi e certi delle cure necessarie per gli alberi giudicati guaribili dall’agronomo Palmisani.

Inoltre reclamiamo l’immediato censimento degli alberi monumentali, da effettuare entro il 31 luglio come disposto obbligatoriamente dalla legge, nonché dell’intero patrimonio arboreo cittadino e la realizzazione del tanto atteso regolamento comunale. Abbiamo segnalato all’amministrazione comunale oltre venti alberi della di valore monumentale e storico, senza aver finora ricevuto risposta.

Non possiamo che sottolineare pubblicamente il tentativo subdolo di utilizzare la caduta di un arbusto malandato per accelerare i tempi di abbattimento di mezza villa comunale e cancellare con un colpo di spugna quanto in questi mesi si è provato faticosamente a costruire. Questo crollo non è imputabile alla natura, ma piuttosto al continuo pressappochismo e alla mala gestione del verde pubblico della città.

Nola, 8 giugno 2015

Le associazioni aderenti :

Legambiente

WWF

LIPU

Ufficio Diocesano per la Salvaguardia del Creato

Forum Ambiente Area Nolana

Città Viva

Comitato civico per la difesa del diritto all’Acqua

Nola da Qui

Campo dei Fiori

Le Rose di Gerico

Slow Food Agro Nolano

Federazione Asso Campania Felix

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.