“La Russia deve pagare per i suoi crimini orribili.

Collaboreremo con la Corte penale internazionale e contribuiremo alla creazione di un tribunale specializzato per giudicare i crimini della Russia.

Con i nostri partner, ci assicureremo che la Russia paghi per la devastazione che ha causato, con i fondi congelati degli oligarchi e i beni della sua banca centrale”. E’ quanto annuncia in un tweet la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

L’esecutivo europeo, nelle prossime ore, invierà ai Paesi membri una proposta ad hoc per permettere che le responsabilità della Russia possano essere giudicate davanti a una Corte.

La Russia deve anche pagare per le devastazioni che ha provocato. Si stima che i danni subiti dall’Ucraina siano attorno ai 600 miliardi di euro. La Russia e gli oligarchi devono risarcire l’Ucraina e coprire i le spese per la ricostruzione, e noi abbiamo gli strumenti perché la Russia paghi. Abbiamo bloccato 300 miliardi di euro delle riserve della banca centrale russa e congelato 19 miliardi di euro degli oligarchi russi”. Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen in un video pubblicato con l’annuncio della proposta dell’Europa di creare un tribunale speciale sui crimini russi.

Kiev, bombardato un ospedale, morto un ragazzo

Mondo.

L’Ucraina: ‘I russi crivellano di colpi il museo d’arte di Kherson, rubato l’80% della collezione’. Nuovo direttore a Zaporizhzhia. Mosca: ‘Non ce ne andiamo’. Zelensky: ‘La Russia perderà quest’anno centomila dei suoi soldati e Dio solo sa quanti mercenari’

Ue conferma congelamento 65% fondi coesione per Ungheria

Mondo.

La Commissione Ue, constatando che l’Ungheria “non ha fatto i progressi necessari sulle riforme”, ha deciso “di mantenere la sua proposta iniziale del 18 settembre di sospendere il 65% degli impegni per tre programmi operativi nell’ambito della politica di…

 (ANSA)

Covid: Cina, Guangzhou allenta misure dopo nuove proteste

Mondo.

Segnali di allentamento delle misure anti-Covid a Guangzhou, il capoluogo del ricco Guangdong, dove nella notte si sono registrati nuovi scontri tra resident e polizia sulle restrizioni draconiane per combattere un’ondata di infezioni.

 (ANSA)