Quotidiano di informazione campano

NOLA – Welfare, al via un progetto della UIL Pensionati Campania

Appena concluso il convegno a Nola. Bellissima (segretario nazionale): «ripartire da una rivoluzione culturale». Appena concluso il convegno a Nola. Bellissima (segretario nazionale): «ripartire da una rivoluzione culturale».

Come mantenere un buon livello di welfare senza far esplodere la spesa pubblica? In che modo le moderne tecnologie possono essere utilizzate per garantire ai cittadini i diritti sociali previsti dalla Costituzione? Insomma, quali scenari per il futuro dello Stato Sociale? Per rispondere a queste e ad altre domande, si è da poco concluso, presso l’Hotel dei Platani di Nola, il convegno “Storia e coscienza del sindacato: il futuro dello Stato Sociale”, organizzato dalla UIL Pensionati della Campania (UILP).

All’introduzione ai lavori, affidata al segretario generale UILP Campania Biagio Ciccone, hanno fatto seguito gli interventi del segretario generale della UILP nazionale Romano Bellissima, del direttore del centro studi Eleatiche professor Nunziante Mastrolia, dell’esperto di ingegneria dell’automazione Saverio Di Domenico e del segretario generale Feneal-UIL Vito Panzarella, moderati dal giornalista culturale Michele Giustiniano.

Il convegno è stato occasione per presentare al pubblico l’avvio di un progetto di ricerca, fortemente voluto dalla UILP Campania, affidato ad una équipe di studiosicoordinata dal professor Mastrolia, che avrà il compito di comprendere quali concrete soluzioni il progresso tecnologico può mettere al servizio dei cittadini, per garantire a tutti il pieno ed effettivo esercizio dei diritti sociali sanciti dalla Costituzione.

«Senza tradire le nostre radici – ha commentato il segretario regionale della UILP Campania Biagio Ciccone –  dobbiamo utilizzare al meglio gli strumenti che la tecnologia mette oggi a nostra disposizione, per far nascere nuove opportunità. Senza venir meno alle giuste rivendicazioni di categoria, il sindacato deve essere protagonista con proposte al passo coi tempi, che sappiano coniugare le ragioni della missione sindacale con i meriti e i bisogni».

«La crisi che viviamo – ha concluso il segretario nazionale UILP Romano Bellissima –  è prima di tutto una crisi culturale. Abbiamo dunque bisogno di una riforma che sia prima di tutto rivoluzione culturale, che riporti al centro di tutto una cultura della solidarietà. Il progetto presentato oggi va in questa direzione».

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.