Quotidiano di informazione campano

OGGI 25 APRILE: IN PIAZZA CONTRO LA TRASFORMAZIONE REAZIONARIA DELLO STATO E DELLA SOCIETA’ IMPOSTA DAL GOVERNO RENZI E DALL’UNIONE EUROPEA IMPERIALISTA

0

Compagni, lavoratori, antifascisti, sinceri democratici,

il prolungarsi della crisi economica del capitalismo si sta traducendo in un rafforzamento della reazione politica. Le controriforme costituzionali e politiche (marcata tendenza alla repubblica autoritaria di tipo presidenziale, legge elettorale di stampo fascista, soppressione del bicameralismo perfetto, rafforzamento dellesecutivo), vanno di pari passo con le misure antioperaie (estensione della precarietà, attacco al diritto di sciopero e alle libertà sindacali, ecc.), alla criminalizzazione e alla repressione dei movimenti di lotta che si oppongono alloffensiva capitalista.

Obiettivo del governo Renzi, chè la continuità perfetta di quelli berlusconiani, è quello di riscrivere i rapporti di classe a favore del grande capitale, liquidare gradualmente le libertà democratiche e smantellare limpalcatura politico-istituzionale sorta dalla Resistenza, in nome degli interessi delloligarchia finanziaria. Lintesa politica fra Renzi e il delinquente piduista di Arcore la dice lunga sul falso carattere progressista di rottamatore e del suo governo.  Contro questo disegno reazionario va sviluppata una grande mobilitazione operaia e popolare, che necessita di chiarezza politica.

La lotta potrà essere vincente solo se la mobilitazione si svilupperà apertamente e direttamente contro le forze che dirigono tale disegno dittatoriale. Perciò bisogna denunciare a chiare lettere che il processo  autoritario e antidemocratico in corso è ispirato e portato avanti dal grande capitale, dalle sue istituzioni sovranazionali, tra le quali spiccano lU.E. imperialista e la NATO, artefici della politica di austerità e di guerra. I trattati e le politiche voluti da Bruxelles e da Washington sono incompatibili con la Costituzione italiana, seppur di natura borghese. Ladesione a questi trattati e lapplicazione di queste politiche è un tradimento dei principi e dei contenuti democratici in essa contenuti.

Facciamo del 25 aprile una vera giornata di lotta! Tutti in piazza contro la trasformazione reazionaria dello Stato e della società, contro le politiche di miseria e i pericoli di guerra! Rafforziamo lopposizione frontale al governo padronale di Renzi! Esprimiamo la nostra protesta contro leuro-farsa elettorale del 25 maggio con lastensione militante e protagonista. Nessun voto alla U.E. delle banche e dei padroni, dellausterità, del Fiscal compact, delle missioni di guerra! Fuori lItalia dalla U.E., dalleuro e dalla NATO! Costruiamo un grande Fronte proletario e popolare con alla testa la classe operaia, avanziamo nellorganizzazione e nella lotta per costruire una società fondata sul potere politico della classe operaia e sulla proprietà comune dei mezzi di produzione.

      Rivolgiamo un appello ai sinceri comunisti e agli elementi più avanzati del proletariato a rompere definitivamente e nettamente col revisionismo e lopportunismo, a unirsi alla nostra attività politica per costruire un forte e combattivo Partito comunista, strumento indispensabile per abbattere il capitalismo e limperialismo e costruire la nuova società. Prendete contatto con noi, organizziamoci!

 

PREPARIAMOCI PER UNA NUOVA GUERRA DI LIBERAZIONE DAL CAPITALISMO E PER IL SOCIALISMO!

 

25 Aprile 2014

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.